Giovane trans fa causa alla clinica che l'ha operata: «Ero troppo piccola per decidere, non dovevano assecondarmi»

Lunedì 5 Luglio 2021
Giovane trans fa causa alla clinica che l'ha operata: «Ero troppo piccola per decidere, non dovevano assecondarmi»

Giovane trans fa causa alla clinica che l'ha operata sostenendo che non avrebbero dovuto permetterle di avviare la transazione. Keira Bell, 23 anni di Manchester in Inghilterra, ha deciso di fare causa alla clinica inglese che le ha concesso di cambiare sesso e di diventare un uomo: «Ero troppo giovane per decidere, non dovevano assecondarmi».

 

Leggi anche > Chef cade nel pentolone di brodo che sta cucinando: morto a 25 anni, lascia tre figli

 

Keira, nata donna, sin da bambina ha manifestato il desiderio di essere un uomo e a 16 anni ha deciso di cambiare sesso. La ragazza si è rivolta alla Tavistock and Portman NHS Trust, che ha approvato abbastanza velocemente la sua decisione di intraprendere il suo percorso transgender. Oggi però, all'età di 23 anni, si dice pentita e afferma che se la clinica avesse avviato un percorso più lento probabilmente non avrebbe preso una decisione così drastica in modo così frettoloso. 

 

«Non si possono prendere decisioni simili a 16 anni, e così in fretta. I ragazzi a quell’età devono essere ascoltati, e non immediatamente assecondati. Io ne ho pagato le conseguenze, con danni gravi fisici. Ma così non va bene, servono cambiamenti seri» ha dichiarato Keira a Good Morning Britain su Itv. Secondo Keira i medici non hanno approfondito il tipo di malessere che l'aveva portata a desiderare di cambiare genere.

Ultimo aggiornamento: 6 Luglio, 17:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA