Alfie Evans, la storia: dalla battaglia per l'eutanasia alla cittadinanza italiana per salvarlo

Alfie Evans, la storia: dalla battaglia per l'eutanasia alla cittadinanza italiana per salvarlo
La storia di Alfie Evans ha tenuto il mondo con il fiato sospeso e ha diviso gli animi tra quanti speravano che continuasse la sua battaglia convivendo con la malattia e quanti consideravano l'opzione dell'eutanasia.

Alfie Evans morto stanotte, l'ultimo video due giorni prima: «Guardate quanto è straordinario»



Si è chiusa nel modo più amaro per i genitori di Alfie Evans, Tom e Kate, due generosi ragazzi inglesi del popolo poco più che 20enni, la battaglia per cercare di dare una speranza al loro piccolo: un bambino di nemmeno due anni colpito da una grave patologia neurodegenerativa non diagnosticata esattamente che aveva come spento una parte del suo cervello, pur senza ridurlo mai all'incoscienza totale.

 
 


Una battaglia legale, e di opinione pubblica, durata quasi sei mesi. A innescarla, la richiesta dei medici dell'ospedale pediatrico Alder Hey di Liverpool, convinti che non ci fosse più nulla da fare e che ogni cura fosse ormai «inutile», di staccare la spina. Un atto a cui Tom e Kate si sono opposti fin da subito, ma senza riuscire a spuntarla. Forte della legge britannica, lo staff ospedaliero si è rivolto già a dicembre del 2017 ai tribunali del Regno, che in una serie di sentenze - a partire dal verdetto chiave emesso dal giudice dell'Alta Corte britannica Anthony Hayden a febbraio - hanno ripetutamente dato il via libera agli uomini in camice bianco e hanno sempre risposto 'no' ai genitori.



Non sono serviti i ricorsi alla Corte Suprema di Londra, né quella alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo di Strasburgo (chiamatasi fuori con una doppia pronuncia di «inammissibilità»). E neppure gli appelli del Papa e la concessione della cittadinanza italiana per motivi umanitari, decisa il 23 aprile sullo sfondo della disponibilità del Bambino Gesù di Roma e del Gaslini di Genova di continuare a dare assistenza al piccolo su richiesta del papà e della mamma.



La sera dello stesso 23 aprile - in esecuzione di quanto stabilito dalla giustizia britannica e a dispetto delle proteste degli Evans e di un esercito di sostenitori (denominato Alfìs Army) radunato di fronte all'ospedale di Liverpool, ma soprattutto online - i medici hanno infine staccato la ventilazione assistita. Alfie, contro tutte le attese, ha resistito da «guerriero» - nelle parole di papà Tom - respirando da solo per quattro giorni. E lasciando spazio a un estremo ricorso perduto in appello, prima della resa e dell'apertura di un dialogo dei genitori con i medici per riportarlo almeno a casa. Quando ormai non c'era più tempo. Alfie era nato a Liverpool il 9 maggio 2016 e a Liverpool ha chiuso gli occhi per sempre attorno alle 2,30 del 28 aprile 2019. Una decina di giorni prima del suo secondo compleanno.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 28 Aprile 2018, 09:43






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Alfie Evans, la storia: dalla battaglia per l'eutanasia alla cittadinanza italiana per salvarlo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti