Dieci neonati positivi al coronavirus, ma le mamme sono negative: sotto accusa l'ospedale

Venerdì 10 Aprile 2020 di Federica Macagnone
Dieci neonati positivi al coronavirus, ma le mamme sono negative: sotto accusa l'ospedale

Il reparto di neonatologia dell’ospedale Odobescu di Timişoara, in Romania, è stato posto sotto indagine dopo che 10 neonati sono risultati positivi al Covid-19. Le madri sono risultate negative al virus e ci sono pochi dubbi sul fatto che i piccoli siano stati infettati da operatori sanitari. Una mamma ha detto a un sito web di notizie rumeno: «Negli ultimi due giorni mi sono sentita come se stessi vivendo in un film dell'orrore. Il personale non indossava mascherine».

Coronavirus Italia, 147.577 contagi e 18.849 morti. Crollo terapie intensive, 1.985 guariti. Borrelli: «Pressione in calo sugli ospedali»

​​Coronavirus Italia, mappa contagio regione per regione: morti in calo, oggi sono 570. In due regioni zero vittime

E mentre molti operatori sanitari si sono lamentati per l'insufficienza dei dispositivi di protezione individuali, sul caso dei piccoli positivi è intervenuto anche il ministro della Sanità, Nelu Tătaru, che ha chiesto al Dipartimento di sanità pubblica di Timişoara (DSP) di avviare un'indagine, di mettere in isolamento domiciliare le persone dimesse e di ripetere i test su tutti: «Le madri sono risultate negative, ma i bambini sono risultati positivi, quindi dobbiamo prendere in considerazione i loro contatti con il personale medico».
 
Quarantanove mamme e i loro bambini sono stati sottoposti al tampone il 1° aprile e i risultati sono stati resi noti pochi giorni dopo. Nove mamme e i loro neonati sono già stati dimessi, tra il 2 e il 4 aprile, e solo una madre è ancora ricoverate. I piccoli non hanno sintomi e adesso sono in isolamento con le mamme.
 
Secondo News.ro, nello stesso ospedale 25 persone, tra operatori sanitari e pazienti, erano risultati positivi al Covid-19. Intanto Tataru ha dichiarato di aspettarsi almeno 10-12 mila casi confermati: «Le nostre stime potrebbero cambiare nei prossimi giorni, a seconda di come si evolverà la situazione: continuiamo a sperare che la crescita dei contagi non sia esponenziale».

 

 

 
 

Ultimo aggiornamento: 11 Aprile, 10:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA