La suora eroica che ha fermato la polizia in Myanmar: «se volete uccidere la gente, prima uccidete me»

Domenica 14 Marzo 2021 di Franca Giansoldati
La suora eroica che ha fermato la polizia in Myanmar: «se volete uccidere la gente, prima uccidete me»

Città del Vaticano - «Se volete sparare alla folla, allora sparate prima a me». Collegata con Roma dal suo convento in Myanmar, la suora coraggio che si è inginocchiata davanti ai poliziotti che stavano uccidendo i manifestanti, Ann Rose Nu Twang ha raccontato quei momenti carichi di tensione. La voce che sembra un soffio non tradisce la determinazione e il coraggio. Il suo volto ha fatto il giro del mondo e l'immagine di questa mite religiosa inerme davanti a tanta brutalità ha fatto capire all'opinione pubblica mondiale cosa sta accadendo in quella zona del mondo dove è in atto un colpo di Stato.

All'incontro via webinar organizzato dalla casa editrice Emi la religiosa ha spiegato di essere stata mossa da un senso di giustizia. «Da più di un mese il nostro popolo sta soffrendo: mentre a causa del coronavirus la gente si trovava già in difficoltà legate al lavoro si è verificato il cambio politico e il popolo ha iniziato a manifestare». 

Ecco la sua testimonianza: «Sotto la nostra clinica erano scesi in strada i manifestanti per far conoscere i loro desideri in modo pacifico; mentre passavano sotto le nostre finestre io stavo curando dei malati nella clinica anche perchè gli ospedali statali erano chiusi per via della situazione politica. Ho sentito slogan e poi sono arrivati i militari con un camion e hanno iniziato a colpire tutti con manganelli e fionde. In quel momento sono scesa e sono andata davanti alla polizia, vedendo i manifestanti che si trovavano in pericolo. Ho deciso di proteggerli anche a rischio della vita e per questo motivo sono andata dai poliziotti e li ho supplicati: basta ferirli con bastoni, se volete sparare fatelo con me, io non riesco sopportare che soffranto tanta violenza. Avevo già visto quello che era accaduto in altre città dove tanti sono stati massacrati come animali. Allora i polizioti si sono spostati più indietro e ho pensato che stessero per andare via ma purtroppo i poliziotti hanno continuato a inseguire la gente. Allora sono ritornata in strada e ho chiesto di nuovo di lasciare in pace i manifestanti e un poliziotto mi ha suggerito di non rimanere la perchè era pericoloso. Ho ripetuto che se avessero colpito la gente non mi sarei mai spostata». 

https://youtu.be/jVUI1DGO3nE

A favore della libertà in Birmania è intervenuta anche Albertina Soliani, già senatrice e oggi Presidente Istituto Alcide Cervi, già Presidente Associazione Parlamentare Amici della Birmania. Con una lettera inviata al presidente Mattarella, e alle massime cariche dello Stato ha ripercorso i fatti che il 1 febbraio hanno portato al copo di stato in Myanmar da parte dell’Esercito, facendo arrestare il Presidente della Repubblica U Win Myint, la Consigliera di Stato e Ministro degli Esteri Aung San Suu Kyi, centinaia di dirigenti del suo partito, la Lega Nazionale per la Democrazia, attivisti, giornalisti, artisti, cittadini, donne, uomini, ragazzi.

«Il popolo continua a manifestare la sua contrarietà al golpe con una coraggiosa disobbedienza civile (Civil Disobedience Movement), molte decine ormai sono le vittime della violenta repressione militare, di indicibile disumanità» ha scritto.

Dal 1 febbraio non si sa nulla di Aung San Suu Kyi, né dove si trovi agli arresti, né quale sia la sua condizione.  Nessuno può vederla, nemmeno il suo avvocato. E’ comparsa due volte in un video all’udienza davanti al giudice.

«Aung San Suu Kyi è il suo popolo. Non possiamo assistere alla sua scomparsa, in totale violazione del diritto nazionale e internazionale e dei diritti umani, senza reagire».

«L’Italia si faccia promotrice di una concreta azione per la liberazione di Aung San Suu Kyi, determinante per l’apertura di una fase di dialogo, di riconciliazione e di pace nel Paese».

 

 

Ultimo aggiornamento: 10:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA