Febbre alta e mal di testa, bimbo di 6 anni dimesso dall'ospedale muore a casa: indagati medico e infermieri

PER APPROFONDIRE: mal di testa, meningite, morto, sintomi
Febbre alta e mal di testa, bimbo di 6 anni dimesso dall'ospedale muore a casa: indagati medico e infermieri

di Alessia Strinati

Per i medici bambino il  stava esagerando, in realtà Oliver era gravemente malato ed è morto poco dopo la visita. Il piccolo di appena 6 anni era andato in ospedale con la mamma Georgie Hall, molto preoccupata per le condizioni di salute del suo bambino che aveva febbre alta, un forte mal di testa e uno strano rush cutaneo. La donna di Norfolk, nell'Inghilterra orientale, racconta di essere stata trattata con sufficienza dal medico che ha visitato il figlio. Il dottore le avrebbe detto che non era nulla di grave, ma quando lei ha insistito dicendo che temeva fosse meningite l'uomo gli ha chiesto se aveva visto la diagnosi su Google e l'ha anche rimproverata, dicendo che stava esagerando e che era troppo ansiosa.

Il bambino è stato così dimesso, i genitori, come riporta il Sun, pur avendo brutti sospetti, si sono fidati del parere dei medici e sono andati via. Dopo qualche ora però le condizioni del bambino si sono aggravate ed è morto sotto gli occhi della mamma e del papà.
 




I fatti risalgono allo scorso ottobre, ma una perizia ha dimostrato che se fosse stato immediatamente curato oggi sarebbe potuto essere vivo. La famiglia ha scelto di procedere legalmente e ora il medico che lo ha visitato e due infermieri sono sotto indagine. 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 6 Giugno 2019, 08:57






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Febbre alta e mal di testa, bimbo di 6 anni dimesso dall'ospedale muore a casa: indagati medico e infermieri
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2019-06-07 10:32:51
..."l'uomo gli ha chiesto se aveva visto la diagnosi su Google"... Mi ricorda qualcuno questa supponenza tipica di un dottorucolo incompetente.
2019-06-06 12:16:43
Che un medico possa essere somaro, supponente, incapace e' possibilissimo. Anzi probabile, per non dire frequente. Come per TUTTE le professioni. La differenza e' che se un medico si sbaglia, muore qualcuno e lui diventa automaticamente un assassino. Se si sbaglia un giudice, un giornalista, un perito (ovvero un professionista che valuta la tua situazione) e ti rovina la vita, magari spingendoti al suicidio, "puo' capitare", "pazienza". Difficilmente questi ultimi pagheranno in un modo o nell'altro il danno fatto. Per altro che gli infermieri, altri due operatori sanitari (anche loro somari incapaci ?) che hanno comunque visto il paziente SENZA intervenire se notavano qualcosa di davvero strano, e' strano. Un bambino con una meningite "sta visibilmente male". Se da genitore vedi tuo figlio che sta davvero male e ti dicono che NON e' niente ti opponi o vai SUBITO da un altro medico. Il problema e' che , con il senno di poi, una quadro clinico apparentemente banale puo' precipitare in poche ore, in funzione delle difese, attive o passive, del paziente. Per altro in Gran Bretagna hanno risolto il problema delle lunghe attese in PS in maniera "semplicissima" (per un burocrate idiota): ENTRO 4 ORE dall'arrivo DEVI essere visitato e dimesso o ricoverato. A volte le "perdite di tempo" che ci sono nei nostri PS servono almeno a far definire bene il quadro clinico (che se il paziente in quelle ore PEGGIORA ti regoli diversamente, mentre se lo hai dimesso in fretta NON puoi osservare il peggioramento) e comunque (quasi) solo la scienza e coscienza del singolo medico valuta cosa serve o non serve per fare diagnosi.
2019-06-06 22:21:59
Certe volte non ti capisco. Un bambino con la meningite sta visibilmente male, scrivi, e incolpi i genitori di non averlo portato altrove fidandosi di quanto alcuni medici rilevassero. Ma, se altri genitori non si fidassero di altre diagnosi e volessero altri pareri invece, saresti a scrivere contro la laurea su google o chi fa di testa sua e poi paga e tutto il repertorio come da copione. Quindi: dobbiamo ascoltarli o no 'sti medici? Quando sí e quando no? Con quali informazioni?