Melbourne, italiano morto nell'attentato: è Sisto Malaspina

Attentato a Melbourne, la vittima è l'italiano Sisto Malaspina
Era italiana la vittima dell'attentato di ieri a Melbourne: si tratta di Sisto Malaspina, 74enne emigrato in Australia all'età di 18 anni e molto conosciuto in città grazie alla sua caffetteria - Pellegrini's Espresso Bar -  che si trova proprio sulla Bourke Street, la strada dove è avvenuto l'attentato rivendicato dall'Isis.

Sisto Malaspina, l'italiano morto a Melbourne era il ristoratore dei vip. L'amico Russel Crowe: «Era come uno zio»

Terrorismo a Melbourne, fa esplodere auto e accoltella a morte un passante prima di essere ucciso dalla polizia



La vittima, scrive da parte sua il quotidiano australiano Herald Sun, era Sisto Malaspina, 74 anni, comproprietario insieme al suo socio Nino Pangrazio di un noto bar sulla Bourke Street - il Pellegrinìs Bar - acquistato nel 1974.

 
 


Sisto era molto conosciuto a Melbourne, una vera "autorità" e punto di riferimento non solo per la comunità di italiani in Australia. Orde di clienti abituali, amici e sconosciuti hanno visitato il bar sabato per rendere omaggio con fiori e biglietti a Sisto, tantissime anche le manifestazioni di cordoglio online tramite i social media.
 
 

L'uomo è stato definito da chi lo conosceva «la persona più felice che si possa immaginare». Il giornale lo descrive come «un bon vivant, icona di Melbourne» e ricorda che era diventato nonno per la prima volta una settimana fa. Secondo le ricostruzioni, Malaspina si sarebbe trovato a poche centinaia di metri dal suo locale, quando il terrorista ha fatto esplodere la sua auto. Potrebbe essere accorso in aiuto di Shire Ali, che, invece, hanno riferito i testimoni, lo ha accoltellato al collo. L'amico Russell Crowe sconvolto dalla notizia ha scritto su twitter: «Ti ameremo per sempre».
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 10 Novembre 2018, 08:50






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Melbourne, italiano morto nell'attentato: è Sisto Malaspina
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-11-10 21:40:22
...il piu' grave errore dell'Australia…..!
2018-11-10 13:36:13
Rimango dell'idea che l'islam sia pericoloso e nemico dell'uomo e che vada proibito alla stregua delle sette sataniche, tollerarli vuol dire solo offrir loro il destro al proselitismo ed alla violenza, poco hanno da dire islam religione di pace non lo è mai stata e chiunque conosca la storia di Maometto che prima di convertirsi in extremis era un brigante (non lo dico io ma la Storia piaccia o non piaccia) dovrebbe saperlo ed inoltre basta leggere il corano, ma pano furbi e vi rinfacceranno sempre i passaggi che comodano a loro e che sono rivolto solo a loro stessi.
2018-11-10 11:58:51
Rip
2018-11-10 11:50:21
... globalizzazione e i suoi fiori del male.. solo che la maria non c'entra è il progressismo a farla da padrone.. il promo esempio della storia di globalizzazione è stata la torre di babele.. e sappiamo tutti come è andata a finire..
2018-11-10 11:34:12
Accorso per soccorrere chi invece lo ha accoltellato? Un Santo Laico.In Australia abbondano di onoreficenze , ne peschino una addatta di massimo grado...e la attribuiscano senza lungaggini.