Londra, il terzo terrorista è di nazionalità italo-marocchina

PER APPROFONDIRE: isis, londra, terrorismo
Londra, il terzo terrorista è l'italo
marocchino Youssef Zaghba
C'è il nome del terzo attentatore di Londra. Secondo la la polizia di Londra si tratta di Youssef Zaghba, 22 anni, con passaporto italiano e marocchino. Youssef Zaghba fu fermato a marzo 2016 all'aeroporto di Bologna, città da cui stava per prendere un volo diretto a Istanbul. L'allora ventenne aveva con sé solo un piccolo zaino, il passaporto, poco contante  e un biglietto di sola andata: circostanze sospette, che insieme alla rotta aerea per la Turchia, ne fecero disporre il fermo per accertamenti. Fu contattata la madre, che si chiama Valeria che abita con un altro figlio di 25 anni nel bolognese. Nel marzo del 2016 la madre di Zaghba - nato a Fes nel gennaio del 1995 - aveva lasciato Casablanca, trasferendosi a Castello di Serravalle, un piccolo comune della provincia di Bologna. Il padre del terrorista risulterebbe invece ancora iscritto all'Aire (Anagrafe degli italiani residenti all'estero) a Casablanca. 
 
 

Youssef Zaghba risultava "tecnicamente" residente in Italia da oltre un anno. Lo precisano fonti diplomatiche sottolineando che, in base agli atti, Zaghba si è iscritto all'Aire (Anagrafe italiani residenti all'estero) a Casablanca, in Marocco, fino al marzo 2016. Poi risulta rientrato a Castello di Serravalle, frazione di Valsamoggia (Bologna). Mentre a Londra, dove pure pare abbia vissuto negli ultimi mesi, non si sarebbe mai registrato.

La madre del terrorista, si è appreso, ha collaborato con le forze di polizia italiane dopo che il figlio fu fermato all'aeroporto di Bologna. Una verifica che non venne effettuata in seguito a segnalazioni particolari ma che scattò sulla base dei servizi di controllo all'imbarco. Dopo aver trovato sul telefono di Zaghba documenti e foto riconducibili alla propaganda dell'estremismo islamico, la polizia perquisì anche l'abitazione della donna, senza trovare alcun elemento d'interesse investigativo. In quell'occasione però la madre si mostrò molto preoccupata per il comportamento del figlio e decise di collaborare con le forze di polizia.

Da quel momento, la Polizia di Prevenzione ha monitorato Zaghba ogni volta che è venuto in Italia: si tratta di alcuni passaggi dal marzo del 2016 e tutti per brevi periodi. Quando Youssef Zaghba fu fermato all'aeroporto in procinto di partire per Istanbul, come di prassi in questi casi fu aperto dalla Procura un fascicolo a suo carico per terrorismo. L'iscrizione fu fatta dal procuratore aggiunto Valter Giovannini anche per sequestrargli telefono e passaporto, oggetti in seguito restituiti dal momento che non emersero elementi particolari. Il giovane, morto nell'attacco di Londra, fu quasi subito rilasciato


Gli altri due terroristi sono Khuram Butt e Rachid Redouane. Il capo, a quanto risulta, era Butt, 27enne figlio di pachistani, ma cresciuto a Londra e tifoso di quell'Arsenal con la cui maglia addosso è morto sabato dopo aver stroncato un po' di vite altrui. Mentre di Redouane, si sa che dichiarava origini marocchine e libiche, aveva anche una falsa identità (Rachid Elkhdar) e forse un documento emesso in Irlanda, dove potrebbe aver vissuto per un periodo. Le loro radici vere sono comunque a Barking, fra i sobborghi più turbolenti alle propaggini est della Grande Londra, dove convivono (male) comunità di britannici di origine varia. Il personaggio più significativo sembra essere Butt.


Almeno una dozzina di bombe Molotov sono state trovate nel furgone usato dai tre jihadisti per compiere l'attacco di sabato sera a Londra: lo riporta Sky News citando fonti non identificate. Secondo il giornalista dell'emittente Martin Brunt, la polizia ha trovato nel veicolo «quelle che sembravano essere bottiglie piene di un liquido incolore con stracci» al posto dei tappi: «chiaramente sembravano essere cocktails Molotov».


I tre membri del commando jihadista che ha seminato morte e terrore nel cuore della capitale inglese sono stati indentificati. Volti noti, già segnalati come estremisti a Scotland Yard o all'intelligence, addirittura messisi in mostra in un documentario televisivo con tanto di bandiera nera dell'Isis sventolata in faccia a un bobby. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 6 Giugno 2017, 08:50






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Londra, il terzo terrorista è di nazionalità italo-marocchina
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 24 commenti presenti
2017-06-07 08:20:39
dopo quel "fenomeno" della stazione di Malano,(Hosni Tommaso) un altro "prototipo" [non molto riuscito]dell'Italiano "meticcio" (i.talebano?) sembra si sia "radicalizzato" navigando su certi "siti" cosi' dice "mamma'" (ogni scarafone e' bello a mamma sua) che invece il papy fosse Marocco non c'entra niente?
2017-06-07 08:15:30
L' Italia, li va a prendere, li veste, gli da cibo di loro gradimento, li arruola e poi gli regala il biglietto per andare al nord Europa per eseguire ciò che sono stati istruiti. Fanno parte delle nuove risorse europee volute dalle Lobbi mondiali.
2017-06-06 19:39:39
Dire italo-marocchino è peggio che bestemmiare in chiesa, Italo conosco il treno e un mio vecchio zio passato a miglior vita.
2017-06-06 18:07:49
Quelli viaggiano, non gli fa un baffo salire e scendere da aerei classe vip.
2017-06-06 15:50:58
Incapaci di batterci sul campo di battaglia infiltrano agitatori nelle comunita' correligionarie cercando di radicalizzarle e renderle refrattarie alla cultura del paese che le accoglie.Ma andate a dirlo ai rossi e ai papalini...