London Bridge, seconda vittima identificata: è una ex studentessa 23enne di Cambridge

Domenica 1 Dicembre 2019
London Bridge, identificata la seconda vittima: è una ex studentessa di Cambridge
3

Londra. È stata identifica la seconda vittima dell'attacco terroristico avventuo sul London Bridge venerdì scorso: si tratta di una ex studentessa dell'Università di Cambridge. Lo riferisce il vice rettore dell'ateneo, citato da diversi media britannici. Si chiamava Saskia Jones e aveva 23 anni la seconda vittima dell'attacco di London Bridge. Lo ha reso noto Scotland Yard, confermando pure l'identità già nota ieri dell'altra vittima, il 25enne Jack Merritt. Entrambi i giovani erano laureati all'università di Cambridge e sono stati uccisi da Usman Khan, nella sala in cui è iniziato l'attacco durante una conferenza sulla riabilitazione dei detenuti organizzata a Londra dallo stesso ateneo di Cambridge a cui il killer era stato invitato da un ex recluso.

Leggi anche London Bridge, identificata la prima vittima: Jack era un neo-laureato di Cambridge


Ieri invece era stata diffusa l'identità dell'uomo rimasto ucciso, Jack Merritt, un dottorando dell'università che era uno dei coordinatori di «Learning Togheter» il programma per la riabilitazione degli ex detenuti della facoltà di criminologia di Cambridge. Khan era stato invitato a partecipare, insieme ad altri ex detenuti, alla conferenza organizzata dal programma che si è svolta in un edificio, il Fishmonger Hall, che si trova sul lato nord del ponte. Secondo a polizia l'attacco di Khan è iniziato subito dopo aver lasciato la conferenza.

Ultimo aggiornamento: 17:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA