Lisa Montgomery, dagli abusi sessuali subiti da piccola al crimine efferato: chi era la giustiziata a morte

Mercoledì 13 Gennaio 2021
Lisa Montgomery, dagli abusi subiti da piccola al crimine efferato: chi è la giustiziata a morte

Lisa Montgomery è stata giustiziata, dopo che Donald Trump ha ripristinato la pena capitale per reati di competenza governativa, con altri tre detenuti in attesa del patibolo prima che lasci la Casa Bianca. Il giudice distrettuale James Patrick Hanlon aveva bloccato l'iniezione letale prevista per ieri. I legali della vittima avevano sostenuto che la donna avesse un danno cerebrale e una grave malattia mentale, esacerbata da una vita di abusi sessuali subiti dal patrigno con l'omertà della madre.

Usa, giustiziata a morte Lisa Montgomery: è la prima donna in 70 anni

La Montgomery è stata condannata a morte per un crimine particolarmente efferato nel 2004, quando dal suo Kansas andò a casa di Bobbie Jo Stinnett, in Missouri, fingendo di voler acquistare uno dei cuccioli di cane allevati dalla donna, all'epoca incinta di otto mesi. Ma, una volta entrata, la strangolò e le tagliò il ventre con un coltello da cucina per estrarre la bambina, ancora viva, con l'obiettivo di far credere che fosse sua figlia. Il caso, che scosse l'America, ispirò libri ed episodi tv.

L'ultima donna ad essere giustiziata in Usa è stata Bonnie Heady, nel 1953 in una camera a gas del Missouri. Insieme al marito Carl Hall, anche lui condannato a morte, rapì a scuola il figlio di sei anni di un ricco imprenditore, lo uccise e chiese quello che allora fu il più grande riscatto nella storia americana: 600.000 mila dollari, l'equivalente oggi di oltre 5 milioni di dollari. Trump ha già supervisionato 10 esecuzioni, rifiutandosi di bloccare le tre restanti nonostante la consueta 'treguà nel periodo di transizione: se verranno portate a termine, sarà il presidente che ne ha collezionato di più in oltre un secolo. 

Usa, giustiziato Brandon Bernard, aveva 40 anni: è il condannato a morte più giovane

 

Maratona di Boston, condanna a morte annullata per il responsabile dell'attentato

Uccise a coltellate 19 disabili in una casa di cura: «Portano infelicità». Rischia la pena di morte

Ultimo aggiornamento: 09:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA