Lady Diana, il medico legale: «La ferita mortale era molto piccola, ma in un punto fatale»

PER APPROFONDIRE: lady diana, medico legale, morte
Lady Diana, parla il medico legale del 1997: ecco la verità sul tragico incidente

di Enrico Chillè

«Se Lady Diana avesse avuto la cintura di sicurezza allacciata, probabilmente sarebbe sopravvissuta. Ad ogni modo, è stata molto sfortunata per le circostanze in cui ha trovato la morte». Richard Shepherd è stato il medico legale che si è occupato di indagare sulle cause della morte della principessa del Galles, avvenuta a Parigi il 31 agosto 1997. A quasi 22 anni di distanza, l'uomo ha deciso di svelare le sue memorie professionali in un libro.

Kate Middleton, ecco tutti i divieti imposti dalla regina Elisabetta alla duchessa di Cambridge



Secondo il Daily Mirror, il dottor Shepherd ha pubblicato un libro, Unnatural Causes, in cui ha raccontato diversi dettagli su un evento tragico che ha commosso il mondo, quello della morte di Lady Diana, deceduta in un incidente stradale insieme al compagno, Dodi Al-Fayed, e all'autista, Henri Paul. Il medico legale ha spiegato che la morte di Lady Diana poteva essere evitata se avesse utilizzato la cintura di sicurezza, ma non solo.

«Se avesse avuto la cintura di sicurezza, probabilmente Lady Diana sarebbe riapparsa in pubblico pochi giorni dopo, magari con ematomi al volto, ingessature o con delle costole rotte. Ma sarebbe sopravvissuta» - spiega Richard Shepherd - «Ad ogni modo, la lesione riportata da Lady Diana è stata una delle più insolite, se non la più insolita, tra quelle viste in vita mia: si è trattato di una lesione piccola, ma nel punto sbagliato».

Il caso della morte di Lady Diana ha sollevato diverse teorie del complotto e non poche controversie, soprattutto per quanto riguarda i soccorsi. Lady Diana infatti non era stata trasportata subito in ambulanza e Richard Shepherd spiega perché: «Dopo l'incidente era perfettamente cosciente. L'impatto, però, aveva provocato la rottura di una piccolissima vena all'interno dei polmoni e questo aveva causato un'emorragia interna che alla fine si è rivelata fatale e a nulla servì l'intervento chirurgico d'urgenza in ospedale».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 8 Aprile 2019, 21:59






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Lady Diana, il medico legale: «La ferita mortale era molto piccola, ma in un punto fatale»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-04-09 17:04:22
…..sempre sfortunata….!
2019-04-09 12:53:42
La sera in cui avvenne l'incidente l autista decise improvvisamente di imboccare il Pont De Alma, anziche' le Champs-Elysees perche' nel Corso vi sono molti semafori e quindi sarebbero stati facile preda dei flash dei fotografi che li seguivano. Il Place Pont De Alma fu imboccato alla velocita' stimata di 155 Km/H e l'urto lieve contro una uno bianca basto' affiche l autista (ubriaco) andassse a sbattere contro un pilone del sottopasso. Autista e Dodi Al Fayed seduto dietro morirono sul colpo, Diana Svenne e la guardia del corpo Trevor Ress Jones seduto davanti alla principessa sopravvisse, pur sfigurato, grazie all'air bag. erano le 00.23 del 31 agosto 1997. Alle 4 del mattino Diana decedeva. Le ipotesi del complotto sono tutte cavolate buone per far arricchire giornali e...Fratello!