Karadzic condannato all'ergastolo per i crimini di guerra in Bosnia

PER APPROFONDIRE: bosnia, radovan karadzic, srebrenica
Karadzic condannato all'ergastolo
I giudici dell'Aja in appello hanno condannato oggi definitivamente all'ergastolo Radovan Karadzic (73 anni), ex leader politico dei serbo-bosniaci, confermando le accuse di genocidio, crimini di guerra e contro l'umanità per le quali in primo grado, tre anni fa, gli erano stati comminati 40 anni di reclusione. 

Dopo l'ergastolo Mladic non molla: «Finché vivrò mi batterò per far emergere la verità»

I giudici del Meccanismo residuale internazionale per i Tribunali criminali, l'organismo che ha sostituito il Tribunale penale internazionale per i crimini nella ex Jugoslavia (Tpi) uscito di scena alla fine del 2017, d'accordo con la Procura, hanno ritenuto inadeguata la pena inflitta in prima istanza, alla luce dell'estrema gravità dei crimini e delle atrocità commesse da Karadzic nel corso della guerra di Bosnia del 1992-1995.

Un conflitto fratricida che nel cuore dell'Europa provocò almeno 100mila morti e oltre due milioni di profughi. Il presidente della corte, il giudice danese Van Joensen, ha definito «incomprensibile» e «ingiusta» la sentenza di primo grado, affermando che tre anni fa i giudici hanno commesso un errore nel pronunciare una condanna a 40 anni.

Con Karadzic presente in aula, elegante in abito scuro e cravatta bordò, la corte ha confermato le accuse per il genocidio di Srebrenica (8mila musulmani massacrati nel luglio 1995), l'assedio e i bombardamenti su Sarajevo, i crimini e le atrocità perpetrate durante il conflitto, con uccisioni, deportazioni, persecuzioni, torture. Ma, come nella sentenza di primo grado, è stato ribadito che l'ex leader dei serbi di Bosnia non è responsabile di 'genocidiò in relazione ad altri sette Comuni bosniaci - Bratunac, Prijedor, Vlasenica, Zvornik, Sanski Most, Foca e Kljuc.

Al pronunciamento della sentenza di ergastolo Karadzic è rimasto impassibile, mentre applausi e anche qualche fischio sono giunti dalla galleria del pubblico. Fuori del Tribunale sin da stamane si erano radunati gruppi di familiari di vittime bosniache e una rappresentanza delle Madri di Srebrenica, che nella cittadina teatro del massacro del luglio 1995 hanno salutato con grande gioia ed emozione la condanna di Karadzic: uscite per strada esultanti, si sono abbracciate con le lacrime agli occhi.

Scene analoghe di gioia e soddisfazione si sono ripetute a Sarajevo e in altre località della Federazione, l'entità a maggioranza croato-musulmana della Bosnia-Erzegovina. Nella sua prima reazione, affidata al suo avvocato, Radovan Karadzic ha parlato di sentenza «senza alcun legame con la giustizia». «La politica ha trionfato sulla giustizia», ha detto.

Al contrario per Serge Brammertz, procuratore capo del Meccanismo residuale, il verdetto odierno è giusto dal momento che è stato dimostrato che Karadzic è «un criminale di guerra», che sarà ricordato dalla storia come responsabile di immani e orrende sofferenze. In attesa della sentenza di appello e della condanna definitiva resta ora il generale Ratko Mladic, l'ex capo militare dei serbi di Bosnia, condannato in primo grado all'ergastolo nel novembre 2017 anch'egli per genocidio, crimini di guerra e contro l'umanità. In precarie condizioni di salute, il Boia di Srebrenica attende il verdetto finale nel carcere di Scheveningen presso l'Aja, lo stesso dove Radovan Karadzic, protagonista con lui di una delle pagine più buie della storia europea recente, passerà il resto della sua vita.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 20 Marzo 2019, 16:44






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Karadzic condannato all'ergastolo per i crimini di guerra in Bosnia
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2019-03-20 22:22:29
pensavo fosse già passato a miglior vita. cmq, confesso che se dovessi scegliere tra tutti i mali che hanno afflitto quelle martoriate terre, sceglierei quello palesemente minore. forza, moi Broj, resisti!
2019-03-20 19:48:16
Al di là di ogni considerazione sulla sentenza, gioisco anch'io con le donne di Srebrenica.
2019-03-20 19:36:17
non si possono definire "guerra" le stragi tipo srebrenica
2019-03-20 22:52:49
la guerra e' guerra...non un incontro di calcio o di basket. Ogni uno combatte con le sue armi...e vince chi ammazza di piu'chi ne combina peggio....a proposito: chi ha vinto????
2019-03-21 09:25:05
beh neppure KATYN (dove l'NKVD utilizzo'delle pistole tedesche per uccidere i polacchi e dare colpa ai nazi) ma ai tempi attuali non è peggio l' "11 settembre"? bersaglio sicuramente civile con 3000 morti subito e tanti "ammalati" credo per "amianto e fumi tossici" [la chiamano Guerra Santa=Jihad=AlQaeda=ISIS