MEDIO ORIENTE

Attentato a Gerusalemme, Hamas rivendica l'attacco di oggi: tre morti e sei feriti. Israele: «Tregua violata». ​Una delle vittime (24 anni) era incinta

Gli aggiornamenti in tempo reale sul conflitto in Medio Oriente

Giovedì 30 Novembre 2023

Idf: 6 ostaggi liberati, in viaggio verso Israele

Sei ostaggi israeliani sono stati rilasciati da Hamas e sono sulla via per Israele.

Lo ha annunciato l'esercito, come riporta Haaretz.

La Francia condanna l'attacco terroristico

La Francia condanna «con la più grande fermezza l'attacco terroristico perpetrato oggi a Gerusalemme e rivendicato da Hamas, che ha causato almeno tre morti e diversi feriti»: è quanto si legge in una nota diffusa dal ministero degli Esteri di Parigi, in cui vengono rivolte «le condoglianze ai familiari delle vittime nonché gli auguri di pronta guarigione ai feriti».

Usa: «Non è ancora momento per un cessate il fuoco permanente»

Per gli Stati Uniti non è ancora il «momento per un cessate il fuoco permanente» a Gaza. «Vogliamo che la tregua si allunghi all'ottavo, nono giorno ma non è il momento per un cessate il fuoco permanente». Lo ha detto il portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale americana, John Kirby, in un briefing con la stampa.

Hamas chiede un'«escalation della resistenza»

Hamas chiede un'«escalation della resistenza» dopo l'attacco al Gerusalemme, che ha fatto tre morti. Lo riporta il Times of Israel che dà notizia della rivendicazione dell'attacco all'ingresso della città da parte del gruppo, secondo cui «gli eroi» si «stanno mobilitando per vendicare il sangue dei martiri». Nel suo messaggio Hamas afferma che due uomini armati del gruppo, i fratelli Murad (38 anni) e Ibrahim (30 anni) Nemer, di Sur Baher a Gerusalemme Est sono «martiri del jihad». Nella rivendicazione Hamas afferma che l'attacco di stamani è una «risposta» alle operazioni israeliane nella Striscia di Gaza, iniziate dopo il terribile attacco del gruppo del 7 ottobre in Israele, e all'uccisione di due minori ieri a Jenin (in Cisgiordania). Nell'attacco odierno a Gerusalemme sono morti tre israeliani, raggiunti da colpi d'arma da fuoco esplosi contro una fermata dei bus. Secondo la polizia israeliana, due soldati liberi dal servizio e un civile armato hanno risposto al fuoco, uccidendo i due uomini armati, che - stando allo Shin Bet - erano già stati arrestati per attività di terrorismo (Murad era stato in carcere dal 2010 al 2020 per la pianificazione di attacchi e Ibrahim nel 2014 per reati non meglio precisati).

La vittima di 24 anni era incinta

Livia Dickman, 24 anni, uccisa questa mattina nell'attentato a Gerusalemme, era incinta. Lo riporta

Le vittime dell'attentato a Gerusalemme

Le vittime dell'attentato di questa mattina sono due ragazze di 16 e 24 anni e un uomo di 73 anni, identificato nel rabbino Elimelech Waserman. I media israeliani riferiscono i nomi delle tre vittime dell'attentato avvenuto a Gerusalemme questa mattina: il rabbino Elimelech Wasserman, 73 anni, Hana Ifergan, 67 anni (e non 16 come detto in precedenza), e Livia Dickman, 24 anni.

Israele: tregua è stata violata

Il ministro della Sicurezza nazionale israeliano Itamar Ben Gvir ha affermato che la rivendicazione da parte di Hamas dell'attacco terroristico di oggi a Gerusalemme, in cui sono morti tre civili, significa é stato violato il cessate il fuoco. «Con una mano Hamas firma il cessate il fuoco, con l'altra manda i terroristi a uccidere gli ebrei a Gerusalemme», ha detto il ministro citato da The Times of Israel. «Questo non è un cessate il fuoco, ma piuttosto una continuazione della concezione di contenimento degli attacchi terroristici e di concessione che ci ha portato all'uccisione di persone, che dà a Sinwar, leader di Hamas a Gaza, la speranza di poter uscire da questo conflitto prendendo il sopravvento», ha continuato, «dobbiamo smettere di fare accordi con il diavolo e tornare immediatamente alla lotta, con rara forza».

 

 

 

Hamas rivendica l'attacco a Gerusalemme

Hamas rivendica la responsabilità dell'attacco a Gerusalemme. Lo riferisce la tv satellitare al-Jazeera. Hamas, riporta la tv, afferma che due uomini armati del gruppo hanno sferrato l'attacco a una fermata dei bus. In un messaggio Hamas dichiara che «l'operazione» è una «risposta naturale ai crimini senza precedenti commessi dall'occupazione», con chiare accuse a Israele per le operazioni nella Striscia di Gaza, scattate dopo il terribile attacco del gruppo nel Paese del 7 ottobre, e anche - secondo al-Jazeera - per il trattamento dei prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane.

Egitto e Qatar spingono per una tregua di altri due giorni

I negoziatori egiziani e qatarioti stanno spingendo per ottenere una nuova estensione di due giorni del cessate il fuoco a Gaza e per il rilascio di altri prigionieri, secondo fonti del Cairo. Lo riporta Haaretz.

Israele conferma, attentato sul Giordano: 2 militari feriti

L'esercito israeliano ha confermato che l'incidente avvenuto oggi a Beqaot (valle del Giordano) è stato un attentato. Due militari, ha aggiunto, sono rimasti feriti in modo leggero quando un veicolo li ha travolti. L'assalitore «è stato neutralizzato» e l'esercito sta setacciando la zona alla ricerca di possibili complici. Poche ore prima un altro attentato era stato condotto a Gerusalemme da due attentatori ritenuti affiliati a Hamas.

Morto uno degli ostaggi rapiti al rave party, aveva 27 anni

La famiglia di Ofir Sarfati, rapito il 7 ottobre al rave party nel deserto del Negev, è stata informata che il 27enne portato a Gaza con ferite gravi, è morto. Lo riferisce Ynet. Ofir, studente di ingegneria elettronica, era al festival Nova con la sua ragazza Shovel e altri amici. Per 3 settimane il suo destino era rimasto sconosciuto, poi i parenti avevano saputo del rapimento. Alcuni video mostravano che era stato ferito gravemente ed era stato portato via dai terroristi. Oggi il comune di Kiryat Ata, dove viveva, ne ha annunciato la morte. Al rave party sono stati uccisi circa 364 giovani.

 

Gerusalemme, è salito a 3 il numero degli israeliani uccisi

È salito a tre il numero degli israeliani uccisi all'ingresso di Gerusalemme in un attentato terroristico palestinese. Lo ha riferito il direttore del Magend David Adom (equivalente locale della Croce Rossa) Eli Bin. In precedenza aveva riferito dalla uccisione di una donna di 24 anni e di un uomo di 70. Quattro feriti sono in condizioni gravi.

Due israeliani uccisi e 8 feriti nell'attentato a Gerusalemme

Due israeliani sono rimasti uccisi ed altri otto sono stati feriti nell'attentato avvenuto oggi a Gerusalemme. Lo ha riferito il capo della polizia cittadina, Doron Turgeman. I due attentatori, due palestinesi di Gerusalemme est, sono arrivati in automobile: sono subito scesi impugnando un fucile M-16 ed una pistola ed hanno aperto il fuoco. Turgeman ha aggiunto che sono stati uccisi dall'intervento immediato di due soldati che erano presenti sul posto e di un civile. La polizia resta in massima allerta a Gerusalemme est dove si nota grande fermento dopo la liberazione di detenuti palestinesi nel contesto della tregua con Hamas.

Qatar: tregua prosegue con le stesse condizioni

In un comunicato citato dai media internazionali, il Ministero degli Affari esteri di Doha ha affermato che la tregua a Gaza sarà prolungata per la giornata di oggi «alle stesse condizioni precedenti - che sono il cessate il fuoco e l'ingresso di aiuti umanitari - nel quadro della mediazione condivisa dallo Stato del Qatar con la Repubblica araba d'Egitto e gli Stati Uniti d'America»

Israele: la tregua prosegue

L'esercito israeliano ha dichiarato stamattina che la tregua con Hamas continuerà «alla luce degli sforzi dei mediatori per portare avanti il processo di rilascio degli ostaggi e nel rispetto dei termini dell'accordo»

Attentato a Gerusalemme, uccisa una ragazza

Secondo i servizi di emergenza israeliani, questa mattina una ragazza è stata uccisa e altre sei persone sono state ferite in un attacco con armi da fuoco a una fermata dell'autobus all'ingresso di Gerusalemme. Lo riporta il Jerusalem Post. L'autostrada 1 dallo svincolo di Motsa verso Gerusalemme è stata chiusa al traffico dopo l'attacco. L'anno scorso un altro attacco terroristico alla stessa fermata dell'autobus aveva provocato la morte di due israeliani

 

Guerra Israele-Hamas, la diretta del 30 novembre

Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre, 08:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci