Isis spazzato via dalla Siria, la parabola dello Stato Islamico dalla nascita (2006) alla caduta

PER APPROFONDIRE: califfato, isis, raqqa, siria
Isis spazzato via dalla Siria, la parabola dello Stato Islamico dalla nascita (2006) alla caduta
La Casa Bianca ha annunciato nella tarda serata di sabato che l'Isis è stato sradicato definitivamente dalla Siria. Ma quale è la storia del Califfato? La storia dello stato islamico inizia nel mese di ottobre del 2006 quando viene annunciata ufficialmente la creazione dell'Isis. Nell'aprile 2010, Abu Bakr al-Baghdadi diviene l'emiro del gruppo jihadista.

Siria, cade l'ultima roccaforte dell'Isis: liberata Baghuz

 
Da allora, lo Stato Islamico, ha iniziato la sua ascesa, conquistando, a partire dal gennaio 2013, anche fette di territorio siriano, compresa la città di Raqqa. Nell'aprile dello stesso anno, il gruppo cambia il suo nome, diventando lo Stato Islamico in Iraq e nel levante (Isil o Isis). Nel giugno 2014, l'Isis conquista una decina di città e villaggi iracheni, compresi Mosul e Tikrit, e assume il controllo dei campi petroliferi siriani nella provincia di Homs. Il 29 giugno dello stesso anno, il gruppo jihadista annuncia formalmente la creazione del «califfato» e assume la denominazione di Stato Islamico (Is). Nell'agosto 2014, i miliziani dell'Is avviano nel nord dell'Iraq il massacro e la riduzione in schiavitù di migliaia di appartenenti alla minoranza religiosa degli yazidi, e cominciano a diffondere una serie di video nei quali vengono mostrate le decapitazioni di ostaggi occidentali.


Festeggiamenti a Raqqa dopo la liberazione

Nel settembre 2014 gli Stati Uniti danno il via ad una campagna di bombardamenti, colpendo anche la 'capitalè dell'Is, Raqqa. Nel gennaio 2015 lo Stato Islamico è all'apice della sua espansione territoriale, con il controllo di un'area di 88mila chilometri quadrati, tra la Siria occidentale e l'Iraq orientale, nella quale vivono quasi 8milioni di persone. Le entrate dell'Is ammontano a miliardi di dollari, grazie al contrabbando del petrolio, alle estorsioni e ai rapimenti di ostaggi.

Siria, l'Isis: «Abbiamo ucciso volontario italiano». È Lorenzo Orsetti

 
A marzo 2016 le forze militari del governo siriano riconquistano l'antica città di Palmira, che poi verrà persa di nuovo nel dicembre dello stesso anno e definitivamente riconquistata nel marzo 2017. A luglio 2017 le forze irachene liberano Mosul, ma il prezzo pagato è altissimo. In 10 mesi di battaglia muoiono migliaia di civili, la città viene in gran parte distrutta e circa 800mila persone perdono le loro abitazioni. Nell'ottobre 2017, le Forze democratiche siriane (Sdf) riprendono il controllo di Raqqa, mettendo fine a tre anni di dominio dell'Is. a dicembre 2017 il governo iracheno dichiara la vittoria contro lo Stato islamico, riprendendo il controllo del confine tra Iraq e Siria. A febbraio 2019, il presidente Usa Donald Trump dichiara che l'Is è prossimo alla sconfitta, dopo settimane di battaglia per la riconquista degli ultimi territori in mano jihadista, lungo il confine siriano-iracheno. Oggi, le milizie curde-siriane dell'Sdf annunciano la caduta di Baghuz, l'ultima roccaforte dell'Is. È «la totale eliminazione del cosiddetto califfato e la sconfitta territoriale al 100 per cento dell'Isis».

 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 23 Marzo 2019, 11:59






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Isis spazzato via dalla Siria, la parabola dello Stato Islamico dalla nascita (2006) alla caduta
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-03-23 13:07:53
ben vi sta, macellai apostati.