Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Isis, 16enne siriano arrestato in Germania: «Preparava attentato»

Mercoledì 21 Settembre 2016
Isis, 16enne siriano arrestato in Germania: «Preparava attentato»
6
Un'unità speciale Sek della polizia ha fatto irruzione ieri sera in un centro profughi di Colonia arrestando un giovane siriano di 16 anni. Secondo la polizia, sussistono elementi che fanno pensare a un concreto pericolo da parte del giovane, a causa di una sua rapida e recente radicalizzazione. Il ministro degli Interni del Land di Colonia (il Nordreno-Vestfalia), Ralf Jaeger, ha detto alla Rheinische Post che «il terrorismo islamico resta un pericolo concreto» e che per questo «le autorità di sicurezza seguono con scrupolo ogni indizio».

L'arresto è avvenuto ieri in una palestra adibita a centro di prima accoglienza per rifugiati, scrive l'agenzia Dpa citando la Procura di Colonia. L'esame del telefonino del giovanissimo profugo ha rivelato che aveva «contatti con una persona che vive all'estero e che, contigua all'Isis», era intenzionata «a reclutarlo». Secondo la polizia il siriano rappresentava «un pericolo da prendere sul serio». In un parapiglia creatosi con l'intervento delle teste di cuoio, tre profughi sono rimasti «leggermente feriti», riferisce l'agenzia.

L'adolescente siriano fermato ha dei legami con militanti dello Stato Islamico e stava preparando un attentato con una bomba. Lo ha detto il portavoce della polizia Klaus-Stephan Becker, spiegando che il giovane ha espresso su delle chat online «l'inequivocabile volontà» di commettere un attentato. Il 16enne è stato arrestato questa mattina in un alloggio per rifugiati del quartiere di Porz, a Colonia. Secondo quanto hanno riferito la polizia e la procura in conferenza stampa, l'esame del suo telefono cellulare ha dimostrato che il ragazzo era in contatto con una persona all'estero legata allo Stato Islamico e si era radicalizzato in breve tempo.
Ultimo aggiornamento: 22 Settembre, 11:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci