Attacco a Bruxelles, i sostenitori dell'Isis festeggiano su Twitter: "Questo è soltanto l'inizio"

Martedì 22 Marzo 2016
L'aeroporto di Bruxelles dopo l'attentato
23
Non sono ancora arrivate rivendicazioni per l'attentato multiplo avvenuto a Bruxelles, ma sui social i sostenitori dell'Isis già fanno festa: «Una piccola parte del conto che pagheranno i crociati». «Ho ricevuto un messaggio da qualcuno dello Stato islamico rivolto ai suoi sostenitori in Belgio. Dice: 'Siamo arrivati con i nostri sgozzatorì», ha scritto Jazrawi Biji, il cui account è pieno di messaggi che inneggiano ai 'martirì e ai jihadisti dell'Is. Il nome Jazravi, molto diffuso in Iraq, sembra tradire le origini dell'autore del tweet. Messaggi dello stesso genere si leggono su altri account Twitter.

«Le esplosioni di Bruxelles sono solo una piccola parte del conto che pagheranno gli adoratori della croce. Stiamo arrivando», scrive Mutatarrif, che vuol dire estremista. «Oh crociati, il rapporto tra le nostre forze è chiaro», scrive invece Abu Muawia al-Anbari. Sull'account 'Gli amanti della shahadà (la professione di fede musulmana) si legge ripetutamente l'invocazione «Allahu Akbar». Infine anche il sito di informazione curdo-iracheno Rudaw ha pubblicato un tweet in cui scrive che «l'Is rivendica gli attentati di Bruxelles», senza chiarire i termini della presunta rivendicazione. In un tweet successivo, Rudaw sembra però correggere il tiro: «Pensate che l'Is sia dietro gli attacchi di Bruxelles come alcuni suoi membri scrivono sui social media?», si chiede.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA