Iran, Ebrahim Raisi tuona contro Israele, ma Riad frena sulle sanzioni

"Va creato un solo Stato palestinese dal fiume al mare"

Sabato 11 Novembre 2023
Iran, Ebrahim Raisi: «Baciamo le mani di Hamas, l'unica soluzione è cancellare Israele»

Di fronte a decine di leader arabo-islamici riuniti in Arabia Saudita, l'Iran ha alzato i toni della retorica contro Israele, ribadendo la necessità di cancellare lo Stato ebraico dal Medio Oriente, e ha mantenuto alta la posta negoziale con gli Stati Uniti, accusando Washington di fornire il carburante all'offensiva israeliana sulla Striscia di Gaza.

La condanna a Israele è stata unanime al vertice di Riad, che si è chiuso con una richiesta al Consiglio di Sicurezza dell'Onu di adottare una «risoluzione vincolante» per porre fine «all'aggressione» nella Striscia. 

Raisi: soluzione è creare lo Stato palestinese

Respingendo la tesi dell'autodifesa invocata dallo Stato ebraico, ma spaccandosi sulla linea dura invocata da Teheran sulle sanzioni. Nella prima visita in 11 anni di un presidente iraniano in Arabia Saudita, Raisi ha affermato che l'unica soluzione al conflitto in corso «è la resistenza continua contro l'oppressione israeliana, fino alla creazione dello Stato palestinese dal fiume al mare», sostenendo di fatto la necessità di distruggere Israele. «Il passare del tempo non legittima l'occupazione, né crea un diritto per l'occupante», ha avvertito Raisi, aggiungendo che qualsiasi soluzione alla questione palestinese dovrebbe comprendere il fatto che il regime sionista è un occupante e non ha alcun diritto sulla terra palestinese. «Baciamo le mani di Hamas», ha aggiunto il capo di Stato iraniano, che si è poi incontrato col principe ereditario saudita Muhammad bin Salman per la prima volta dal disgelo diplomatico e politico tra i due Paesi avvenuto a marzo. 

Medio Oriente, il presidente iraniano a Riad: decisione ferma su Palestina

L'avvertimento di Nasrallah

A Riad Raisi ha invitato i leader arabo-islamici a «decidere da che parte stare», ad «armare i palestinesi», a definire l'esercito israeliano «un'organizzazione terroristica», ad «applicare sanzioni e un boicottaggio energetico contro Israele», a «inviare ispettori internazionali presso gli impianti nucleari israeliani» e a portare di fronte al tribunale internazionale dell'Aja gli Stati Uniti e Israele per i crimini commessi a Gaza. Mentre il presidente palestinese Abu Mazen ha dichiarato che il suo popolo è «sottoposto a una guerra di sterminio che ha oltrepassato tutte le linee rosse». Alle parole di Raisi da Riad hanno fatto eco quelle di Hassan Nasrallah, leader degli Hezbollah libanesi filo-iraniani. Nel suo secondo discorso dal 7 ottobre, Nasrallah ha ribadito che il fronte di guerra dal sud del Libano contro il nord di Israele «rimane aperto» e che negli ultimi giorni il Partito di Dio ha gradualmente alzato il tiro dello scontro, inviando «droni spia sui cieli di Haifa» e impiegando armi più potenti. Il leader di Hezbollah ha poi detto in maniera ancora più esplicita che l'Iran sostiene politicamente e concretamente tutti i movimenti di resistenza anti-israeliana nella regione «con denaro, armi, mezzi», ribadendo però che Teheran non impone a questi gruppi in Libano, Iraq, Yemen e Siria le proprie scelte. 

A Riad il vertice della Lega araba su Gaza, arriva anche l'Iran

Il tema Gerusalemme est

A proposito del fronte di guerra regionale, il leader sciita libanese si è rivolto agli Stati Uniti affermando che i gruppi armati in Medio Oriente continueranno a colpire obiettivi americani in Siria e Iraq fino a quando «non cesserà l'aggressione su Gaza». Dal canto suo, il principe ereditario bin Salman ha parlato con toni assai meno accesi nei confronti di Israele e degli Stati Uniti. Mbs, che prima del 7 ottobre era lanciato verso un accordo storico con Israele, ha chiesto l'immediata cessazione delle operazioni militari a Gaza e il rilascio di tutti i prigionieri. Il leader di fatto saudita ha poi riesumato i punti del piano di pace proposto da Riad 21 anni fa a Beirut: l'unica strada, ha ribadito, è «la fine dell'occupazione israeliana e degli insediamenti illegali, il ripristino dei diritti acquisiti del popolo palestinese e la creazione dello Stato nei confini del 1967, con Gerusalemme Est come capitale». Richiesta formalizzata nel comunicato finale del summit, in cui si respinge l'ipotesi di una separazione tra Gaza e Cisgiordania. I sauditi hanno anche criticato i «doppi standard» della comunità internazionale nella risposta alla guerra, che avrebbero permesso a Israele di violare il diritto internazionale. Allo stesso tempo i padroni di casa del vertice sono rimasti cauti quando si è ragionato di ritorsioni vere e proprie. Una linea morbida condivisa con Paesi come Emirati Arabi Uniti e Bahrein, che hanno normalizzato i rapporti con Israele nel 2020, e che non a caso hanno respinto le proposte (dell'Iran, ma non solo) di interrompere le forniture di petrolio allo Stato ebraico e ai suoi alleati.

Ultimo aggiornamento: 13 Novembre, 11:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci