Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Highland Park, bambino di due anni sopravvive alla strage di Chicago: «I corpi dei genitori lo hanno protetto»

Il piccolo è stato affidato ai nonni materni

Mercoledì 6 Luglio 2022
Strage di Chicago, Aiden a due anni vivo per miracolo: «I corpi dei genitori lo hanno protetto»

Vivo per miracolo perchè i corpi dei due genitori lo hanno protetto dagli spari. Si è salvato così Aiden McCarthy, il bimbo di due anni sopravvisuto per miracolo alla sparatoria durante la parata del 4 luglio a Highland Park a Chicago, negli Stati Uniti.   

Illinois sparatoria, chi sono le vittime della parata del 4 luglio: il nonno eroe che ha salvato la vita ai nipoti

La sparatoria 

Quel pomeriggio Aiden era con i genitori alla festa per la parata del 4 luglio quando all'improvviso Robert Crimo, 21 anni, da sopra un tetto ha aperto il fuoco sulla folla uccidendo 7 persone. Tra le vittime Irina e Kevin McCharty, 35 e 37 anni, genitori del piccolo, protetto dai colpi e sopravvissuto proprio grazie ai corpi della mamma e del papà. 

Il ritrovamento

È stata Lauren Silva, una giovane donna residente nella zona a ritrovare Aiden vivo sotto il corpo del papà ferito a una gamba. Mentre il padre veniva medicato per fermare l'emorragia, lei soccorso il piccolo: «Aveva un calzino zuppo di sangue, alcuni tagli sulle gambe ma stava bene. Continuava a chiedere se mamma e papà sarebbero tornati presto» ha raccontato Lauren. Successivamente è stata informata che il padre del bimbo era morto. È riuscita a mettersi in contatto con i nonni materni, che ora hanno preso in custodia Aiden.  «È passata una vicina, mi ha mostrato la foto, era Aiden», ha detto Michael Levberg, nonno del piccolo «L'ho preso alla stazione di polizia».

Una famiglia distrutta

Irina Leveberg, la mamma di Aiden aveva 35 anni. Nata in Russia, era arrivata a Chicago da adolescente, aveva frequentato la Stevenson High School nel Lincolnshire e la DePaul University e poi aveva iniziato una carriera nel marketing digitale nell'industria farmaceutica. Al lavoro ha conosciuto il marito, Kevin McCharty, 37 anni, che lavorava per una startup di terapia genetica. Secondo il racconto del nonno materno, la coppia amava tantissimo il piccolo Aiden e aveva in programma altri due figli. Ora Aiden è stato affidato ai nonni materni.  

 

La raccolta fondi dei vicini: 1 milione di dollari per il Aiden 

Per aiutare il bambino e aiutare le persone che se ne prenderanno cura è stata lanciata una raccolta fondi su GoFundMe che ha già raccolto 1 milione di dollari. «Aiden sarà accudito dai suoi affettuosi nonni, Misha e Nina Levberg, e avrà una lunga strada da percorrere per guarire, trovare stabilità e, infine, vivere la vita da orfano. È circondato da una comunità di amici e famiglia allargata che lo abbraccerà con amore e con tutti i mezzi disponibili per assicurarsi che abbia tutto ciò di cui ha bisogno man mano che cresce» si legge nel testo. 

Ultimo aggiornamento: 14:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci