DIRETTA

Guerra in Ucraina, funzionario filorusso: «Shoigu dovrebbe spararsi». Kiev: liberati 400 chilometri quadrati nel Kherson

Le ultime notizie sul conflitto in Ucraina in diretta

Giovedì 6 Ottobre 2022

Razov: gas russo? Italia e Ue hanno deciso di rinunciarci

«Non so quale sia il problema col gas russo. Per 50 anni abbiamo fornito gas all'Europa e all'Italia senza problemi. Eravamo pronti a continuare a fornirlo ma l'Italia e gli alleati hanno deciso di liberarsi dalla dipendenza energetica russa. Non è stata una nostra scelta». Lo ha detto l'ambasciatore russo in Italia Sergey Razov a Porta a Porta. A proposito dei danni al Nord Stream, Razov ha definito «la speculazione sul sabotaggio di un proprio gasdotto» da parte della Russia come il frutto della «propaganda russofoba». Ma «le garantisco che non abbiamo degli idioti», ha aggiunto.

Mosca convoca ambasciatore francese per le armi a Kiev

La Russia ha convocato l'ambasciatore francese a Mosca per le forniture di armi all'Ucraina. Lo annuncia il ministero degli Esteri russo.

Funzionario filorusso: Shoigu ha fallito, dovrebbe spararsi

Il numero due dell'amministrazione filorussa della regione di Kherson, Kirill Stremousov, se la prende con il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu, per i fallimenti delle forze di Mosca in Ucraina, suggerendogli di uccidersi. «Molte persone dicono che, come ufficiale, il ministro della Difesa potrebbe semplicemente spararsi per essere colui che ha lasciato che le cose arrivassero a questo punto», ha affermato citato dal New York Times Stremousov, vice governatore della regione nel sud dell'Ucraina dove l'esercito di Kiev sta conducendo una controffensiva.

Ue sanziona l'ideologo russo Dugin

L'Unione europea estende le sanzioni anti-Mosca in risposta all'invasione russa dell'Ucraina anche al filosofo e politologo ultranazionalista russo Alexander Dugin. Considerato tra i principali ispiratori della politica di Vladimir Putin, Dugin è il padre di Darya Dugina, uccisa ad agosto in un attentato a Mosca. L'Ue ha deciso di inserirlo nell'elenco dei sanzionati con l'accusa di aver «giustificato ideologicamente e teologicamente l'annessione della Crimea e la guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina, vedendola come una 'liberazionè dell'Ucraina dall'influenza occidentale».

Ue sanziona tre musicisti pro-Putin

L'Ue ha aggiunto alla sua lista nera di sanzionati anche i musicisti russi Nikolay Rastorguyev, frontman del gruppo Lyube, Yulia Chicherina e Oleg Gazmanov. I tre sono stati sanzionati per aver sostenuto con le loro performance, a vario titolo, la guerra in Ucraina.

La proposta: tetto non sia solo al gas per l'elettricità

Un tetto limitato al gas impiegato per l'energia elettrica «ignora i 2/3 del mercato del gas» e crea «disincentivi alla riduzione dei prezzi» in quanto gli importatori saranno compensati per qualsiasi prezzo pagano. È quanto si legge nel non paper - documento non ufficiale - con le proposte di Italia, Belgio, Polonia e Grecia sul price cap al gas. Nel testo si sottolinea inoltre come tale soluzione potrebbe creare «una passività senza un chiaro limite verso l'esterno», ad esempio perché il prezzo all'importazione può continuare a salire, richiedendo più risorse per mantenere il tetto.

Proposta dell'Italia e di altri tre Paesi: price cap "dinamico" al gas

Un price cap dinamico, da applicare in uno scenario in cui non c'è assenza di forniture e c'è uno scambio di domanda e offerta di gas. È questo uno dei punti chiavi del "non paper" - documento non ufficiale - firmato da Italia, Polonia, Grecia e Belgio, del quale l'ANSA ha preso visione. Sulla base del «corridoio dinamico: è possibile stabilire un valore centrale per questo corridoio e rivederlo regolarmente tenendo conto di parametri di riferimento esterni (ad esempio, i prezzi del greggi) e consentendo fluttuazioni (ad esempio del 5%) intorno al valore centrale all'interno del corridoio», si legge nella proposta.

Zelensky, videocollegamento con Praga: la Russia è contro l'Europa

«La Russia non è presente perché è il Paese più anti-europeo. L'Ucraina non ha voluto questa guerra, mai. La Russia vuole ridisegnare i nostri confini». Sono questi alcuni passaggi del discorso che il presidente dell'Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha tenuto in videocollegamento al vertice della Comunità politica europea a Praga. «È necessario che un tribunale» giudichi quanto accaduto, «è necessario che l'Ucraina sia risarcita dei danni», ha aggiunto.

Eurocamera: preparare risposta in caso di attacco nucleare russo

L'Eurocamera chiede all'Ue di preparare una risposta in caso di attacco nucleare russo. Questo il contenuto della relazione sull'escalation russa in Ucraina approvata dal Parlamento europeo con 504 voti a favore, 26 contrari e 36 astensioni in cui si chiede inoltre un forte aumento dell'assistenza militare all'Ucraina, la condanna dei referendum farsa e delle minacce nucleari di Putin e l'istituzione di un tribunale internazionale ad hoc per i crimini contro l'Ucraina.

Kiev: da inizio ottobre liberati più di 400 chilometri quadrati a Kherson

Dall'inizio di ottobre, le forze armate ucraine hanno liberato più di 400 chilometri quadrati della regione di Kherson. Lo afferma Natalia Gumenyuk, capo del Centro stampa di coordinamento congiunto delle forze di difesa dell'Ucraina meridionale, durante un briefing, come riporta Ukrainska Pravda. In generale comunque, secondo Gumenyuk, la situazione nella direzione sud rimane difficile e si sta sviluppando in modo estremamente dinamico

Cremlino: price cap su petrolio avrà effetto distruttivo

Il Cremlino prevede che l'eventuale introduzione di un tetto al prezzo del petrolio «avrà un effetto distruttivo sui mercati, sconvolgendo quasi tutti i paesi». Lo ha detto il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov, secondo quanto riporta Tass.

Ue: via libera a nuove sanzioni contro la Russia

Il Consiglio Europeo ha adottato l'ottavo pacchetto sanzioni contro la Russia in risposta «all'annessione illegale delle regioni ucraine di Donetsk, Luhansk, Zaporizhzhia e Kherson». Lo riporta il Consiglio in una nota. «Il pacchetto concordato comprende una serie di misure volte a rafforzare la pressione sul governo e sull'economia russa, a indebolire le capacità militari della Russia e introduce le basi per l'introduzione di un tetto massimo di prezzo per il trasporto marittimo di petrolio russo destinato a Paesi terzi e di ulteriori restrizioni sul trasporto marittimo di petrolio greggio e prodotti petroliferi verso Paesi terzi».

Kharkiv, trovati 534 corpi di civili ucraini

Sono complessivamente 534 i corpi di civili ucraini «uccisi dai russi» trovati finora nella parte della regione di Kharkiv liberata dalle forze di Kiev. Lo ha reso noto il capo del dipartimento investigativo della polizia nazionale nella regione di Kharkiv, Sergey Bolvinov, citato dall'agenzia di stampa Unian. «Purtroppo abbiamo già recuperato i corpi di 534 civili nei territori liberati tra cui quelli di 226 donne, 260 uomini, 19 bambini e di altre 29 persone di cui è impossibile determinare il sesso», ha detto Bolvinov, precisando che il bilancio tiene conto dei 447 corpi recuperati nella fossa comune scoperta nella città di Izyum.

Kiev: trovati corpi di due civili torturati e ammanettati insieme

I corpi di due uomini, di età tra i 30 e i 35 anni sono stati trovati dalla polizia ucraina nel villaggio di Novoplatonivka, nella regione orientale di Kharkiv, liberato nei giorni scorsi dalle forze di Kiev: le loro mani erano legate insieme con le manette, avevano ferite da arma da fuoco alla testa, erano vestiti in abiti civili. I cadaveri sono stati scoperti in una cava di sabbia a quattro metri di profondità. Lo riferisce Unian. I media ucraini hanno pubblicato le immagini del luogo del ritrovamento. Secondo la polizia, nel villaggio erano di stanza 250-350 uomini delle forze speciali russe. La loro rotazione avveniva periodicamente. «I dipendenti delle squadre investigative e operative hanno raccolto prove», ha detto la polizia.

Droni kamikaze su regioni Odessa e Mykolaiv

Le unità di difesa aerea ucraine hanno abbattuto sei droni kamikaze russi (su un totale di 12) che avevano attaccato nella notte le regioni di Odessa e Mykolaiv: lo ha reso noto il Comando operativo meridionale di Kiev, secondo quanto riporta Ukrinform. «Durante l'attacco notturno di droni kamikaze nelle regioni di Odessa e Mykolaiv, secondo i dati preliminari, sei droni sono stati abbattuti dalle forze di difesa aerea», ha riferito il Comando sottolineando che «il nemico ha intensificato la ricognizione aerea».

Kiev: due donne uccise a Zaporizhzhia

Due donne sono rimaste uccise durante l'attacco russo con missili di questa mattina su alcuni edifici residenziali a Zaporizhzhia. Ci sono fertiti, tra cui un bambino e persone ancora sotto le macerie, ha riferito il capo dell'amministrazione militare regionale Oleksandr Starukh, citato da Unian.

Missili russi su Zaporizhzhia

L'esercito russo ha lanciato questa mattina un attacco missilistico contro la città di Zaporizhzhia (sud) colpendo infrastrutture ed edifici residenziali: lo ha reso noto il capo dell'amministrazione militare regionale, Oleksandr Starukh, secondo quanto riporta Ukrinform. «L'occupante ha attaccato il centro regionale con dei missili. Gli obiettivi del nemico erano infrastrutture», ha scritto Starukh su Telegram, aggiungendo che sono state udite diverse esplosioni e che «edifici residenziali sono stati distrutti in città. In seguito agli attacchi nemici - ha sottolineato - sono scoppiati incendi... Il numero esatto delle vittime non è ancora noto».

Ucraina, le ultime notizie in diretta. L'esercito russo ha lanciato questa mattina un attacco missilistico contro la città di Zaporizhzhia, colpendo infrastrutture ed edifici residenziali: lo ha reso noto il capo dell'amministrazione militare regionale, Oleksandr Starukh, secondo quanto riporta Ukrinform.

Due donne sono rimaste uccise. Ci sono fertiti, tra cui un bambino e persone ancora sotto le macerie.  «L'occupante ha attaccato il centro regionale con dei missili. Gli obiettivi del nemico erano infrastrutture», ha scritto Starukh su Telegram.

Ultimo aggiornamento: 7 Ottobre, 09:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci