GUERRA

Guerra, Putin: «La Russia pronta a difendersi con ogni mezzo. Cresce minaccia di una guerra nucleare»

La decisione potrebbe essere legata alla proposta dell'Ue di sospendere l'erogazione di fondi europei all'Ungheria per alcune mancanze nel rispetto dello stato di diritto

Mercoledì 7 Dicembre 2022
4

Usa: Putin irresponsabile quando evoca minaccia nucleare

«Pensiamo che qualsiasi discorso alla leggera sull'uso dell'arma nucleare sia assolutamente irresponsabile»: lo ha detto il portavoce del dipartimento di Stato Usa Ned Price rispondendo ad una domanda sulle parole di Vladimir Putin, che ha minacciato di usare l'arma nucleare come strumento di difesa in risposta ad un attacco nemico e ammonito che sta aumentando il rischio di una guerra nucleare.

Borrell: sanzioni anche a giudici e disinformazione

«Proponiamo misure contro i membri del governo russo, della Duma e del Consiglio della Federazione nonché i cosiddetti giudici che, invece di sostenere lo stato di diritto, forniscono una falsa legittimità ai governanti russi e alle loro decisioni illegali». Lo dice l'alto rappresentante della politica estera Ue Josep Borrell. «Sto presentando agli Stati membri quasi 200 ulteriori persone ed entità da sanzionare. Tra questi vi sono i responsabili delle attività militari, della disinformazione, del saccheggio del grano ucraino e delle deportazioni disumane e illegali e dei rapimenti di bambini ucraini».

«Stiamo imponendo misure restrittive nei confronti di testate giornalistiche, persone e organizzazioni che attaccano lo spazio pubblico con la disinformazione, cercando di deviare la colpa della Russia e avvelenando le menti delle persone. Siamo determinati ad agire a sostegno dell'Ucraina. Per tutto il tempo necessario», ha sottolineato Borrell.

Borrell sul nono pacchetto di sanzioni: colpiremo difesa russa

«Colpiremo duramente le forze armate russe, il settore militare e della difesa, le aziende che producono attrezzature militari o coloro che stanno pianificando gli attacchi missilistici che hanno come obiettivo i civili e le infrastrutture civili, in grave violazione del diritto internazionale». Lo ha detto l'alto rappresentante della politica estera Ue Josep Borrell illustrando il nono pacchetto sanzioni dell'Ue. «Dopo il cibo e la fame, Putin ha deciso di utilizzare l'inverno come arma: vuole interrompere le forniture di elettricità, riscaldamento e acqua per milioni di civili in Ucraina»

Putin: non siamo impazziti, nucleare è solo deterrente

«Non siamo impazziti. Sappiamo cosa sono le armi nucleari, abbiamo questi mezzi che si trovano in uno stadio più sviluppato e moderno di qualsiasi altro Paese al mondo. Ma non abbiamo intenzione di agitare queste armi come un rasoio davanti a tutto il mondo. Si tratta di un fattore di deterrenza». Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin.

Putin: "Operazione in Ucraina potrebbe essere lunga"

«Per quanto riguarda i risultati dell'operazione» militare russa in Ucraina, «potrebbe essere un processo lungo ma sono comparsi nuovi territori: questo è un risultato così significativo per la Russia». Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin riferendosi ai territori ucraini occupati dalle truppe del Cremlino. «Il mare di Azov è diventato un mare interno della Federazione Russa, queste sono cose serie», ha detto ancora Putin. Lo riporta la Tass.

 

 

Putin: «La Russia pronta a difendersi con tutti i mezzi»

Alcune organizzazioni per i diritti umani occidentali sono state «create come strumento di influenza sulla politica interna della Russia e soprattutto di altri Paesi dell'ex Unione Sovietica». Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin a una riunione del Consiglio per i diritti umani della Russia. Lo riferisce l'agenzia Ria Novosti.

«Non ha senso parlare di una nuova mobilitazione» militare in Russia. Lo ha detto il presidente Vladimir Putin, citato dall'agenzia Ria Novosti.

La Russia si concentra sui «mezzi pacifici» ma «se non resta altro» è pronta a «difendersi con tutti i mezzi a disposizione»: lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin, ripreso dalla Tass.

Dei 300.000 mobilitati in Russia, 150.000 sono stati schierati nella zona dell'operazione militare in Ucraina, e di questi 77.000 si trovano nelle unità di combattimento. Lo ha detto il presidente Vladimir Putin citato dall'agenzia Ria Novosti.

Kiev: "Abbattuti 14 droni di fabbricazione iraniana"

Nell'ultima giornata, le forze armate ucraine hanno abbattuto 17 droni russi, inclusi 14 droni di fabbricazione iraniana Shahed-136, secondo lo Stato Maggiore delle Forze Armate dell' Ucraina citato da Ukrainska Pravda. «Nell'ultimo giorno, i nostri soldati hanno abbattuto 14 droni d'attacco Shahed-136, un Uav Orlan-10 e altri 2 droni nemici, il cui tipo non è stato specificato», ha riferito lo stato maggiore in un post su Facebook.

Stoltenberg: "La Russia congela la guerra per l'offensiva in primavera"

«Le guerre sono difficili da prevedere». Lo ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg all'evento Global Boardroom del Financial Times a proposito dell'ipotesi che nel corso del 2023 le forze ucraine possano riconquistare i territori occupati dalla Russia dopo il 24 febbraio. «Abbiamo previsto l'invasione lo scorso autunno: quello che vediamo ora è che la Russia cerca di congelare il conflitto per riprendersi e lanciare nuova offensiva la prossima primavera». «Non ci sono condizioni ora per i negoziati perché la Russia non riconosce l'integrità territoriale dell'Ucraina. È l'Ucraina che deve decidere i termini e i tempi della negoziazioni. Ora l'Ucraina ha lo slancio ed è per questo che dobbiamo sostenerla, perché la maggior parte dei conflitti termina al tavolo negoziale ma l'esito delle trattative dipende dalle condizioni sul campo di battaglia». Lo ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg all'evento Global Boardroom del Financial Times.

Onu: "La Russia ha ordinato centinaia di droni all'Iran"

La Russia ha ordinato centinaia di droni e di missili balistici all'Iran. È quanto rivela una fonte diplomatica alle Nazioni Unite. «Sappiamo che l'Iran si sta preparando ad aumentare le consegne di droni e missili alla Russia in quantità significative», ha detto la fonte alla Dpa, ricordando che, dopo oltre mesi di conflitto in Ucraina, la Russia ha un grave problema di esaurimento delle scorte dei suoi arsenali bellici. «Non credo che siano stati ancora inviati, ma sono chiaramente stati ordinati», aggiunge la fonte. Mosca ha già usato centinaia di droni Shahed 136 di fabbricazione iraniana, detti anche i droni kamikaze, perché sono 'usa e gettà, anche se lo ha sempre negato. Mentre a novembre Teheran ha ammesso di aver fornito droni alla Russia.

Kiev: "Attacco russo nella notte a Zaporizhzhia. Diversi feriti"

Nella notte l'esercito russo ha colpito il distretto di Zaporizhzhia con droni e missili S-300: «Sono state distrutte abitazioni private. Tre persone, tra cui una ragazza di 15 anni, sono rimaste ferite», ha scritto su Telegram il capo dell'amministrazione militare regionale Oleksandr Starukh, come riporta Ukrinform.

Ungheria blocca gli aiuti per l'Ucraina

Martedì il governo ungherese ha bloccato l'accordo su un pacchetto di aiuti da 18 miliardi di euro per l'Ucraina, costringendo la Commissione europea e gli altri paesi dell'UE a cercare una soluzione alternativa per garantire a Kiev i fondi di cui aveva tanto bisogno a gennaio.

La Commissione esaminerà come "fornire la soluzione necessaria all'Ucraina già a partire da gennaio", ha dichiarato il commissario europeo al bilancio Johannes Hahn durante una sessione pubblica dei ministri delle finanze del blocco. Ciò comporterebbe qualcosa di simile alla cosiddetta cooperazione rafforzata, un percorso legale per evitare i veti, hanno affermato i funzionari dell'UE.

Ma questa soluzione richiederebbe ai paesi dell'UE di fornire garanzie di bilancio nazionali che, in alcuni casi, necessitano dell'approvazione parlamentare, cosa che potrebbe richiedere del tempo.

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha scelto di giocare duro, sfruttando la necessità della sua approvazione per gli aiuti all'Ucraina come leva per assicurarsi la sua quota di fondi dell'UE e per la ripresa . L'UE ha cercato di trattenere alcuni fondi destinati a Budapest a causa di violazioni dello stato di diritto.

Il veto ungherese di martedì ha fatto sì che le decisioni su tutti gli altri fascicoli all'ordine del giorno dei ministri delle finanze - un'aliquota minima dell'imposta sulle società, che anche Budapest sta bloccando, il piano di ripresa ungherese e le sovvenzioni collegate a 5,8 miliardi di euro e la decisione di congelare 7,5 miliardi di euro di I fondi dell'UE per l'Ungheria per questioni di corruzione sono stati rinviati.

"Non siamo stati in grado di adottare il pacchetto nel suo insieme, ma non ci scoraggeremo", ha detto il ministro delle finanze ceco Zbyněk Stanjura nella sua funzione di presidente della riunione dei ministri delle finanze. "La nostra ambizione rimane quella di avviare gli esborsi all'Ucraina a gennaio",

Ha incaricato il Consiglio di lavorare su "una soluzione sostenuta da 26 Stati membri", che aggirerebbe il veto dell'Ungheria.

La Presidenza ceca ora deve decidere la via da seguire: un possibile nuovo vertice dei ministri delle finanze più avanti nel mese di dicembre - con il 12 dicembre come data possibile - o intensificare la questione alla riunione dei leader dell'UE a metà dicembre.

I governi dell'UE hanno tempo fino al 19 dicembre per prendere posizione sul congelamento dei fondi dell'UE per l'Ungheria. Orbán deve far adottare il suo piano di ripresa entro la fine dell'anno o rischia di perdere il 70% dei 5,8 miliardi di euro di sovvenzioni.

Le ultime notizie dalla guerra in Ucraina oggi. Le forze di Kiev hanno ottenuto recenti guadagni nell'oblast di Kharkiv nord-orientale, mentre l'esercito russo ha condotto attacchi limitati e si sono difese dalle azioni di controffensiva ucraine.

Fonti di Mosca hanno invece affermato che sono stati compiuti progressi territoriali marginali vicino a Bakhmut, ma senza riuscire a circondare la città.

Russia, tecnici dei riscaldamenti inviati in Ucraina: case al gelo (-38°) per mancata manutenzione

La portavoce del Ministero degli Affari Esteri russo (MFA) Maria Zakharova ha smentito le voci del 5 dicembre secondo cui la Russia si sta preparando a ritirarsi o trasferire il controllo della centrale nucleare di Zaporizhzhia.

Il Cremlino ha messo a tacere le voci in Russia di una seconda ondata di mobilitazione in uno sforzo apparente per gestire la crescente preoccupazione della società e ricentralizzare le informazioni sulla guerra con il governo russo.

Ultimo aggiornamento: 8 Dicembre, 09:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci