Guerra nucleare, il video choc alla tv russa: funghi atomici ed esplosioni «in previsione del conflitto»

La televisione russa torna a parlare di guerra nucleare

Lunedì 3 Ottobre 2022
Guerra nucleare alla tv russa il video di propaganda «In previsione del conflitto»

La televisione russa torna a parlare di guerra nucleare. Lo fa con un video di circa un minuto, mandato in onda durante un'intervista a un tenente dell'esercito sulla situazione in Ucraina. Il filmato mostra al pubblico una serie di immagini di esplosioni atomiche, maschere antigas, bunker e tute anti radiazione. Lo scopo è mostrare le conseguenze di un possibile attacco e - contemporaneamente - accusare l'occidente di parlare troppo dell'eventualità di uno scontro di questo tipo. 

Il militare: «Bisogna prendere misure drastiche»

Ospite in studio il tenente Kadyrov dell'esercito di Mosca che ha lamentato che i presunti "nazisti" ucraini non sono ancora stati sconfitti richiamando alla necessità di utilizzare misure più forti: «Non so cosa riferisca il ministero della Difesa al comandante in capo supremo [Putin], ma secondo la mia opinione personale, dobbiamo prendere misure più drastiche» ha dichiarato il militare.

 

Un messaggio diretto all'occidente, che dovrebbe cedere alle richieste di Putin in virtù della minaccia nucleare (richiamata dal video che mostra la distruzione e le devastanti conseguenze di un attacco). «Siamo in una situazione in cui la superiorità nelle risorse e nelle armi convenzionali è dalla parte dell'Occidente», ha affermato Vasily Kashin, analista politico e militare presso la Higher School of Economics di Mosca, che sottolinea come «Il potere della Russia si basa sul suo arsenale nucleare». 

Il video "propagandistico" è stato diffuso proprio nei giorni in cui sul campo di battaglia Mosca ha dovuto ritirarsi da Lyman, città ucraina che è stata riconquistata da Kiev. 

Ultimo aggiornamento: 13:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci