Direttore creativo precipita e muore in Russia durante una perquisizione in casa. «False accuse di pedofilia, era contro la guerra»

Grigory Kochenov è morto nella sua casa di Nizhny Novgorod. La rabbia del fondatore di Agima, l'azienda per cui lavorava: «Era una persona esemplare»

Venerdì 9 Dicembre 2022 di Simone Pierini
Direttore creativo precipita e muore in Russia durante una perquisizione in casa. «False accuse di pedofilia, era contro la guerra»

Grigory Kochenov, direttore creativo della società di It russa Agima è precipitato dal balcone della sua casa a Nizhny Novgorod durante una perquisizione della polizia, ha reso noto il canale Telegram NiMash. Kochenov non aveva mai nascosto la sua opposizione alla guerra contro l'Ucraina. Come freelance lavorava per Cambridge University Press, Hart Publishing e la rivista Snob.

Grigory Kochenov, la perquisizione e la morte

I canali Telegram locali NiMash e 112 hanno riferito che la perquisizione sia avvenuta in relazione a un'indagine sulla "pedofilia", ma non è stato possibile confermare alcuna accusa formale contro Kochenov. Secondo NiMash, Kochenov ha aperto la porta, ha firmato il mandato di perquisizione e ha fatto entrare la polizia nel suo appartamento. Quindi presumibilmente è andato sul balcone ed è caduto.

Le accuse di pedofilia

Il corpo di Kochenov è stato scoperto dai suoi vicini il 7 dicembre, vicino al condominio in via Volodarsky a Nizhny Novgorod. Il notiziario locale NiMash ha riferito che nell'appartamento sarebbero stati trovati 20 terabyte di materiale pornografico. Questa informazione, tuttavia, rimane non verificata. Il ramo del comitato investigativo di Nizhny Novgorod si è rifiutato di commentare la notizia del decesso dell'uomo. «Non ci sono informazioni per i media», ha detto la portavoce Yulia Sklyarova, aggiungendo che sarebbe inutile continuare a richiedere informazioni. Anche la polizia, a sua volta, si è rifiutata di commentare, indirizzando la stampa al comitato investigativo. 

La rabbia del fondatore dell'azienda

Agima, l'azienda IT specializzata in sviluppo software, analisi e progettazione di cui Kochenov era direttore creativo, ha confermato la morte dell'uomo e ha definito false accuse “da tabloid” le voci che circolano su di lui nei media locali. Il fondatore di Agima, Alexander Bogdanov, è certo che le voci di "pedofilia" e "pornografia infantile" su Kochenov siano «completa spazzatura». «Tutti conoscevamo Grigory come una persona super corretta e super esemplare - ha dichiarato Bogdanov - Nei 15 anni di lavoro con lui, l'ho conosciuto come un maniaco del lavoro che poteva lavorare per giorni e giorni. Era molto conosciuto nel mercato digitale e tra i designer. Ciò di cui è accusato semplicemente non può essere vero».

Ultimo aggiornamento: 11 Dicembre, 14:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci