Medio Oriente, Save the Children: «Oltre 50 scuole danneggiate a Gaza e Israele»

Giovedì 20 Maggio 2021
Medio Oriente, Save the children: «Oltre 50 scuole danneggiate a Gaza e Israele»

La scorsa settimana a Gaza cinquanta scuole sono state danneggiate dagli attacchi aerei israeliani, con conseguenze su 41.897 bambini. Secondo quanto riferito, altre tre scuole sono state danneggiate in Israele da razzi provenienti da Gaza. È quanto si legge in un comunicato dall'associazione Save the children. Attaccare scuole o ospedali è una grave violazione contro i bambini, sottolinea l'organizzazione che esorta tutte le parti coinvolte nel conflitto ad aderire al diritto internazionale umanitario e a proteggere i più piccoli.

L'Unrwa, l'agenzia delle Nazioni unite per i rifugiati palestinesi, ha affermato che 47.000 sfollati sono stati spinti a usare proprio le scuole come rifugio dopo aver perso le loro case a causa degli attacchi aerei. Nel frattempo, le scuole rimangono chiuse sia a Gaza che nel sud di Israele, lasciando senza istruzione centinaia di migliaia di bambini. «La distruzione delle scuole è un vero abominio- ha affermato Jason Lee, direttore di Save the children nei territori palestinesi occupati. Luoghi di apprendimento, opportunità, gioco e divertimento per i bambini si sono rapidamente trasformati in rifugi antiaerei, mentre le case vengono distrutte e le famiglie devastate.

Purtroppo il numero di scuole colpite mostra che anche qui non c'è nessun posto dove nascondersi. Una scuola su 15 a Gaza è stata danneggiata. Per ogni scuola che viene danneggiata o distrutta, le prospettive dei bambini di sperimentare e costruire un futuro migliore diminuiscono.» «Tutte le parti in conflitto - ha concluso Lee - devono garantire che i civili e le infrastrutture siano protetti dagli attacchi, in conformità con il diritto internazionale. Tutte le parti devono porre fine immediatamente agli attacchi contro le scuole».

Ultimo aggiornamento: 21 Maggio, 09:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA