Francia, scollature contro burkini: sui social la battaglia per la libertà di esibire décolleté

PER APPROFONDIRE: décolleté, donne, francia
In Francia battaglia social in difesa delle scollature

di Maria Lombardi

Le donne che vogliono fare il bagno in piscina completamente coperte, sfindando le regole. E quelle che rivendicano il diritto di scoprirsi senza dover subire commenti e rimproveri. In Francia dècolleté contro burkini. Da una parte le “Rosa Parks musulmane”. Dall'altra di femministe che si mobilitano sui social con un nuovo hashtag, #jekiffemondécolleté, amo la mia scollatura, per rivendicare il diritto di esibire  un décolleté e denunciare la police vestimentaire, la polizia dei vestiti, ossia tutti quelli che fanno commenti molesti su come si vestono donne e ragazze e sono sempre di più nelle banlieue multietniche e in certe zone di Parigi.

Qualche giorno fa un gruppo di donne musulmane ha fatto irruzione in una piscina di Grenoble, rompendo qualsiasi protocollo di sicurezza. Le “Rosa Park musulmane" hanno violato il regolamento interno dello stabilimento,  in luoghi pubblici del genere è fondamentale farsi riconoscere. Le dodici militanti hanno invaso lo stabilimento in burkini, abbigliamento proibitissimo nelle piscine pubbliche. Ma non solo: hanno anche violato il principio di “laicità” che tanto rivendicano quando si tratta di rispettare la loro fede.
«Vogliamo disobbedire per rivendicare il diritto di farci il bagno coperte», hanno affermato. Sono state multate e il loro gesto ha scatenato polemiche.

 Mentre loro rivendicaro il diritto di coprirsi, altre reclamano il diritto opposto, quello di scoprirsi. Tutto è partito da un tweet di Céline B. che ha pubblicato la foto di una canottiera che ha portato il 18 giugno, con questo messaggio:
«Secondo un tipo che ho incrociato prima, ho un décolleté da sporca baldracca…sappia che io e le mie tette lo mandiamo a gran voce a farsi f...».

Con l'hashtag  #jekiffemondécolleté, amo il mio décolleté, è partita una campagna in difesa di Céline B. e di tutte le donne importunate. Tantissime hanno pubblicato le foto delle loro scollature. Zoha Bitan, militante anti-velo, ha scritto: «Il décolleté non è un precetto religioso, ma una libertà naturale in Francia!». Per «polizia dei vestiti» intende la polizia morale, sul modello dei Paesi musulmani, che si sta diffondendo nelle banlieue multietniche di Francia e nelle zone a maggioranza arabo-africana, dove l'islam detta legge e le ragazze vengono trattate come «puttane» se non si coprono abbastanza.


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 26 Giugno 2019, 14:09






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Francia, scollature contro burkini: sui social la battaglia per la libertà di esibire décolleté
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2019-06-27 19:28:26
Tranquillo, per quel giorno sarà assistito amorevolmente da una musulmana in una casa di riposo, metta a riposare il cannone per il momento.
2019-06-27 08:44:22
Mi convinco sempre più che l'immigrazione, in particolar modo quella musulmana, sarà la scintilla che farà scoppiare la terza guerra mondiale. Spero solo che succeda quando ancora sarò in grado di combattere.
2019-06-26 22:13:55
Bene caspita! Le femministe italiane che si sveglino dal letargo. Troppo impegnate politicamente per ricordarsi di essere donne?