Ergastolo duro ai mafiosi, Strasburgo boccia l'Italia. Di Maio: chi va con i clan deve pagare

Ergastolo duro ai mafiosi, Strasburgo boccia l'Italia. Di Maio: chi va con i clan deve pagare
La Corte di Strasburgo chiede all'Italia di riformare la legge sull'ergastolo ostativo, che impedisce al condannato di usufruire di benefici sulla pena se non collabora con la giustizia. La Corte europea dei diritti umani ha infatti rifiutato la richiesta di un nuovo giudizio avanzata dal Governo italiano dopo la condanna - che adesso diventa definitiva - emessa il 13 giugno scorso. L'ergastolo ostativo prevede che chi è condannato all'ergastolo per reati di mafia e terrorismo non possa beneficiare della la libertà condizionale senza collaborazione con la giustizia.

LEGGI ANCHE Ergastolo ostativo, ecco cosa significa la pena per i condannati per mafia e terrorismo

LEGGI ANCHE Di Maio: «Rischio boss fuori dal carcere»

«Ora è a rischio il 41bis». Lo afferma, in diretta Fb, il presidente della Commissione Antimafia Nicola Morra dopo la decisione sull'ergastolo ostativo. «Il 41bis è il regime che controlla rigorosamente ogni forma di comunicazione - continua - nel 41bis non si può, né si deve comunicare perché, non avendo dato un segnale di ravvedimento, il detenuto è considerato ancora parte dell'associazione mafiosa».

Ira Di Maio. «Oggi la Corte di Strasburgo ci dice che» l'ergastolo ostativo «viola i diritti umani e che dovremmo riformarla. Ma stiamo scherzando? Se vai a braccetto con la mafia, se distruggi la vita di intere famiglie e persone innocenti, ti fai il carcere secondo certe regole. Nessun beneficio penitenziario, nessuna libertà condizionata. Paghi, punto. Qui piangiamo ancora i nostri eroi, le nostre vittime, e ora dovremmo pensare a tutelare i diritti dei loro carnefici? Il M5S non condivide in alcun modo la decisione presa dalla Corte». Così su Fb Luigi Di Maio

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 8 Ottobre 2019, 14:49






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ergastolo duro ai mafiosi, Strasburgo boccia l'Italia. Di Maio: chi va con i clan deve pagare
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2019-10-09 14:10:16
piu'passa il tempo e piu'questa "Europa" mi fa Ca.... E penso che gli Inglesi non hanno "perso la testa" ma magari hanno "legami" con USA e altri "partner".
2019-10-09 13:02:27
ogni tanto vedo dei "documentari" USA e LI spesso il delinquente viene condannato all'"Ergastolo" senza possibilita'di "condizionale" ne "ricorsi" beati LORO che non hanno "bisogno" dei "nessuno tocchi caino" UE [ma se la "magistratura" spesso rivendica i suoi come "indipendenza dagli altri poteri" come puo' accettare "indebite ingerenze"? da paesi STR...anieri
2019-10-09 10:32:05
e "facciamo un referendum" poi se l'80 per cento degli ITALIANI dice che per i "Mafiosi e Terroristi" l'ergastolo (FPM) è "indispensabile" possiamo fare a meno della UEeee e delle sue "corti dei miracoli"..
2019-10-08 19:39:18
Europa, sempre peggio. Ora basta, bisogna pensare a qualche forma di rappresaglia "legale". Per esempio: portare tutti i clandestini non rimpatriabili in tempi brevi, in strutture molto vicine ai confini settentrionali, e organizzare gite nei boschi con cartine e bussola. Oppure corsi-lampo di navigazione in gommone a Ventimiglia. Sono solo alcune idee, ma sono convinto che pensandoci un po' se ne possono trovare delle altre.
2019-10-09 00:05:02
... Eccone una: sostituire l'ergastolo con 100 anni di carcere. Sconto di pena di 1 settimana all'anno per chi riga dritto, di 1 mese per chi collabora. Se qualche delinquente torna a fare la vittima e a lagnarsi con l'europa, resistere in tutti i gradi di giudizio, e se alla fine (dopo qualche anno) va male, ridurre il massimo della pena a 99. Altri ricorsi, altre sentenze, altri tira e molla giudiziari, e per male che vada si riduce a 98. Tra un paio di secoli si arriverebbe a 50 anni, sempre che l'europa come istituzione esista ancora.