Covid, identificata variante AY 4.2 in Usa: finora solo pochissimi casi

Venerdì 22 Ottobre 2021
Covid, identificata variante AY 4.2 in Usa: finora solo pochissimi casi

Il Covid torna a mutarsi e a far paura. La variante AY.4.2 del virus SarsCov2 (discendente diretta della Delta) è stata identificata anche negli Usa, anche se finora si tratta di pochissimi i casi. Lo ha comunicato la direttrice dei Cdc (Centers for diseases control) americani, Rochelle Walensky, in una riunione presso la Casa Bianca per fare il punto sulla pandemia. Finora la quasi totalità dei casi è stata rilevata in Europa, come segnalano alcuni siti americani. Questa nuova variante viene al momento tenuta sotto controllo dunque negli Usa, nel Regno Unito e in Israele. «È ben al di sotto dello 0,05% di tutti i virus da noi sequenziati, con meno di 10 casi riportati finora nella nostra banca dati», hanno precisato i Cdc. Al momento non è ancora chiaro se questa variante, che presenta due mutazioni sulla proteina spike, dà dei vantaggi al virus. Secondo i Cdc, «non ci sono prove che A.Y.4.2 influisca sull'efficacia degli attuali vaccini o terapie».
 

Sottovariante Delta (più contagiosa) è in Italia, scoperti i primi 9 casi. Cos'è e perché è pericolosa

 

L'Agenzia per la sicurezza sanitaria britannica lo scorso venerdì ha comunicato che questa variante si sta espandendo in Inghilterra e aumentando la sua frequenza, mentre martedì scorso è stato rilevato il primo caso in Israele. «Non c'è motivo di farsi prendere dal panico. Non è una situazione paragonabile alla comparsa della varianti Alfa e Delta, molto più trasmissibili di qualsiasi altro ceppo in circolazione al momento - sottolinea Francois Balloux, direttore dello University College London Genetics Institute - potrebbe esserci un potenziale piccolo aumento di trasmissibilità, che non avrebbe però un impatto simile a quello delle altre due sulla pandemia».

Ultimo aggiornamento: 23 Ottobre, 10:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA