Covid Cina, padre vende figlio neonato per 18 milla dollari: «Avevo perso il lavoro»

Mercoledì 11 Novembre 2020
Foto tratta dal video pubblicato dal sito cinese Anhui Net

Un uomo avrebbe venduto il figlio appena nato per 18.000 dollari ad uno sconosciuto contattato online dopo aver perso il lavoro a causa del Covid-19. E' successo in Cina. A raccontare la storia è stato il sito di notizie cinese Anhui Net, che ha citato la polizia ferroviaria locale. Una storia ripresa da vari media internazionali (come il DailyMail). Sembrerebbe che l'uomo abbia convinto la moglie incinta (il signor Liu e la signora Zhang) ad accettare l'accordo illegale prima di scambiare il suo bambino di 40 giorni con una donna descritta, dalle autorità cinesi, come alla disperata ricerca di un figlio.

Maestra avvelena 25 bambini dell'asilo con il nitrato di sodio per vendetta: condannata a morte in Cina

Covid, a Wuhan (città del contagio) 1,4 milioni di bambini senza mascherine oggi tornano a scuola

Cina, vigilante accoltella bambini, preside e personale della scuola elementare: 40 feriti, tre sono gravi

Una storia di disperazione, ai margini della società. Il padre, lavoratore migrante, aveva già due figli, e si è ritrovato ad affrontare una pressione finanziaria "immensa" a causa della perdita del lavoro. Come riporta il DailyMail, la compravendita del bimbo è venuta alla luce lo scorso 30 ottobre quando la donna "acquirente" (il cognome sarebbe Xu), ha attirato l'attenzione della polizia mentre viaggiava su un treno con il bambino. Sembrerebbe che la signora Xu, di 43 anni, stesse viaggiando dalla contea di Jiang'an (nella provincia cinese sud-occidentale del Sichuan, dove vivono i genitori biologici del bambino) verso casa sua nella contea di Huoshan, nella provincia di Anhui, nella Cina orientale.

Il comportamento sospetto ha fatto intervenire gli agenti di polizia che l'hanno fatta scendere dal treno nella città di Hefei per essere interrogataLa signora Xu inizialmente ha provato a giustificarsi dicendo alla polizia di aver adottato il bambino. Ma quando l'interrogatorio è diventato più pressante, ha ammesso di aver pagato le cosiddette "tasse nutrizionali" in cambio del bimbo. La polizia ferroviaria di Hefei ha immediatamente avviato un'inchiesta e ha interrogato i genitori biologici del bambino il 3 novembre. Sembra che la coppia di "acquirenti" abbia pagato la famiglia biologica del bimbo con 163.000 yen ( pari a £ 18.600), una collana d'oro e un braccialetto d'oro in cambio del neonato. 

Il signor Liu, sua moglie la signora Zhang e il sospetto acquirente, la signora Xu, sono attualmente detenuti dalla polizia perché sospettati di traffico di bambini. Il caso è sotto ulteriori indagini.

Ultimo aggiornamento: 12 Novembre, 11:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA