Covid, Madrid revoca il coprifuoco: sì agli amici in casa e alberghi aperti fino a mezzanotte. Ecco le nuove misure in Spagna

Venerdì 7 Maggio 2021
Covid, Madrid revoca il coprifuoco: sì agli amici in casa e alberghi aperti fino a mezzanotte. Ecco le nuove misure

La Spagna riparte. Via il coprifuoco a Madrid. Un via che inizierà da mezzanotte di domani. Gli alberghi chiuderanno a mezzanotte e nelle case si potrà tornare ad invitare gli amici.  Domenica l'attività alberghiera inizierà a chiudere a mezzanotte, anche se manterrà il limite di capacità di quattro persone all'interno e sei all'esterno. È la decisione, almeno per ora, che la Comunità di Madrid ha preso di fronte al calo dei contagi del 9 maggio. La città, con 317 casi ogni 100.000 abitanti di incidenza accumulata affronta alcune settimane praticamente senza restrizioni per fermare la trasmissione di Covid.

 

 

 

 

Stop al coprifuoco - Lo ha confermato, come si legge su El País, venerdì mattina il ministro della Salute Enrique Ruiz Escudero in una conferenza stampa: «Non c'è copertura legale per l'adozione di misure restrittive come il coprifuoco. Confidiamo nella responsabilità dei cittadini». Mercoledì il governo centrale ha pubblicato un decreto legge che fa della Corte Suprema l'arbitro finale dei divieti richiesti dalle comunità e respinti dalle loro corti di giustizia superiori (TSJ). Nessuna petizione iniziale di Madrid nei confronti del suo tribunale regionale perché sa che non porrà questioni come la limitazione della mobilità notturna o le riunioni nelle case per l'intero territorio.

Madrid vuole però ampliare delle misure attualmente attive: il perimetro per zone sanitarie di base - aree legate alla popolazione coperte da centri sanitari, che a partire da lunedì prossimo saranno 14 - e che sono l'unico protocollo che dal suo lancio, lo scorso settembre, non si è dimostrato efficace nel contenere le infezioni. Troppo pochi i centri quindi la Comunità si dice pronta a chiedere l'approvazione del TSJM, o della Corte Suprema, se il governo regionale non darà una risposta affermativa.

 

 

 

 

I sistemi di sicurezza - Altri sistemi di sicurezza che manterrà l'esecutivo di Isabel Díaz Ayuso saranno l'uso obbligatorio della mascherina; il numero massimo di persone che possono occupare tavoli in bar e ristoranti, il divieto di consumo al bar e la capienza di centri commerciali, cinema o teatri, al 75%. Raccomandazioni sugli incontri in luoghi pubblici e privati. «Come raccomandazione», ha precisato Ruiz Escudero, stabilisce che «la partecipazione di gruppo per lo sviluppo di qualsiasi attività privata o pubblica è limitata a sei persone, tranne nel caso dei conviventi» . Il consigliere, anche lui in carica, per Giustizia, Interni e Vittime, Enrique López, ha specificato che, «trattandosi di raccomandazioni», il loro mancato rispetto non può portare a multe.

 

 

 

 

Divieto di alcolici in strada - López ha anche ricordato che «il consumo di alcol è vietato sulle strade pubbliche dal 2002». Per questo il consigliere ha annunciato un «piano specifico contro le bottiglie» di cui non ha fornito maggiori dettagli oltre al fatto di avere gli organi e le forze di sicurezza dello Stato e l'annuncio di un incontro che si terrà lunedì tra il PLATERCAM (Piano Territoriale di Protezione Civile della Comunità di Madrid) insieme alla delegata del Governo a Madrid, Mercedes González.

 

 

 

 

Il caos che le autonomie devono affrontare - A partire da domenica, quando cade l'ombrello legale dello stato di allarme non è nuovo. È già accaduto tra giugno e ottobre dello scorso anno, quando la prima volta che è calato lo stato di allarme da pandemia la Spagna ha lasciato senza sostegno i provvedimenti che le comunità stavano adottando sul loro territorio. Cittadini e dirigenti regionali hanno vissuto quei mesi in disparità, non solo in termini di restrizioni (che ogni governo autonomo ha deciso) ma anche in termini di decisioni giudiziarie che si stavano svolgendo su tali restrizioni: le stesse misure sono state approvate dai tribunali in alcuni territori e non in altri. Per contenere queste differenze stavolta, il governo centrale ha pubblicato mercoledì un decreto legge, approvato il giorno prima in Consiglio dei ministri, che conferisce alla Corte suprema la facoltà di decidere quali diritti fondamentali possono essere limitati. La maggior parte delle misure per contenere il virus che sono finora attive, sia a Madrid che in altre Comunità autonome, sono: il coprifuoco, il divieto di incontri nelle case con non partner o il perimetro del territorio sono restrizioni che sono in conflitto con i diritti fondamentali, come la libertà di movimento o di riunione.

 

 

 

La riforma della legge - Che regola la giurisdizione contenzioso-amministrativa appena approvata consente alle Regioni di impugnare innanzi alla Cassazione le istanze respinte dai tribunali regionali, con l'obiettivo che in poche settimane la Cassazione abbia unificato i criteri delle misure che potrebbero portare a maggiori problemi. Pertanto, i tribunali superiori di giustizia hanno tre giorni per approvare o respingere le misure proposte dai dirigenti regionali. Se viene negato, il governo in questione ha tre giorni per presentare ricorso alla Corte Suprema e la decisione finale deve arrivare entro un periodo massimo di otto giorni. Questo strumento non sembra «abbastanza» a Madrid e, ha ribadito López, non verrà utilizzato: «Conosciamo già la dottrina emanata dalla Corte superiore di giustizia di Madrid». Per il momento, questo giovedì, la Corte Suprema delle Isole Baleari è stata la prima a dare protezione alle misure che il governo dell'isola vuole mantenere attive da domenica: coprifuoco dalle 23.00 alle 6.00, limite di sei persone sia nelle assemblee pubbliche che privato e solo due nuclei di convivenza interni, controlli sanitari all'ingresso delle isole e 50% di capienza nei luoghi di culto.

 

 

 

Le isole - Inoltre, la Procura della Corte Superiore di Giustizia della Comunità Valenciana ha riferito di non opporsi alle restrizioni richieste dalla Generalitat prima della fine imminente dello stato di allarme, tra cui il coprifuoco da mezzanotte alle sei della mattina, informa María Fabra. E le Isole Canarie, tra le altre, hanno confermato ieri che manterranno il coprifuoco, il controllo nei porti e negli aeroporti e il resto delle restrizioni in vigore su ogni isola in base al livello di allerta in cui si trovano da domenica, previa approvazione. Altre regioni, come l'Andalusia, hanno già annunciato che dal 9 maggio entrerà in una progressiva riduzione delle limitazioni in cui i programmi e la capacità saranno allentati, misure che avanzeranno in base alla vaccinazione e al livello di trasmissione del virus in tre fasi: fino al 31 maggio dal 1 ° maggio al 30 giugno e successivamente normalizzazione.

 

 

Ultimo aggiornamento: 16:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA