Francia, paura seconda ondata. Comitato scientifico: «Verso 100.000 casi al giorno». Allarme economisti

Lunedì 26 Ottobre 2020
Francia, paura seconda ondata. Comitato scientifico: «Verso 100.000 casi al giorno»

La situazione legata al Covid in Francia continua a tenere con il fiato sospeso la popolazione. Mentre i contagi si impennano, a lanciare l'ennesimo allarme è il presidente del comitato scientifico francese, Jean-Francois Delfraissy, ai microfoni di Rtl: «Questo virus rappresenta una sfida difficile. Abbiamo acquisito delle informazioni, ma non sappiamo tutto, per tale ragione questa seconda ondata potrebbe essere addirittura peggiore della prima. L'impatto sul servizio sanitario e sui reparti di rianimazione sarà immediato, e si svilupperà già nelle prossime tre settimane». Quindi un riferimento ai numeri: «Attualmente abbiamo più di 50mila casi al giorno, ma di questo passo andremo verso i centomila».

 

Dpcm, cinema e teatri chiusi, da Favino a Cuccarini la rabbia vip: «Non siamo solo tempo libero»

 

Il presidente poi si concentra su un'ulteriore difficoltà: «I nostri concittadini non sono ancora consapevoli di quanto ci attende. Posso capirlo, è qualcosa difficile da accettare. Adesso dobbiamo avere una visione d'insieme, non solo francese, bensì europea. L'ondata sta infatti travolgendo tutti ed è un un evento straordinario nel senso negativo del termine».

 

Dpcm, cinema e teatri chiusi, da Favino a Cuccarini la rabbia vip: «Non siamo solo tempo libero»

La situazione sarebbe simile a quella riscontrata a marzo, come conferma Aurélien Rousseau, direttore generale dell'Agenzia Regionale della Salute IIe de France, il distretto che fa capo a Parigi: «Assistiamo a un'accelerazione molto rapida dei contagi e degli ingressi in rianimazione». Le alternative, dunque per Delfraissy sono due, sebbene l'ultima parola spetti sempre alla politica: «Coprifuoco più massiccio - per orari ed estensione geografica sul territorio nazionale - o un lockdown "meno duro", sul modello irlandese». Su un punto, tuttavia, non si prescinde: «Le scuole resteranno aperte».

 

 

Covid Francia, nuovo record contagi: 45.422 in 24 ore. Le vittime sono 138

 

Francia, allarme economisti

Un lockdown totale causerebbe non solo una «recessione del 10%» nel 2020 ma un « crollo dell'economia francese »: lo ha detto il presidente del Medef, la Confindustria d'Oltralpe, Geoffroy Roux de Bézieux, intervistato questa mattina da radio RMC. «Se si deve riconfinare totalmente come a marzo, andremmo verso il crollo dell'economia francese, rischiamo di non riprenderci più», ha avvertito, aggiungendo che l'ipotesi di confinamento totale - al momento esclusa - «sarebbe qualcosa di molto duro» . Anche se «i mercati hanno una capacità di ripresa incredibile», ha osservato.

Ultimo aggiornamento: 15:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento