Coronavirus, morto il medico cinese “eroe” che diede per primo l'allarme e non fu ascoltato

Giovedì 6 Febbraio 2020
Coronavirus, in fin di vita il medico cinese che diede l'allarme e non fu ascoltato
2

Morto il medico cinese che per primo diere l'allarme del coronavirus. Il suo cuore aveva smesso di battere dalle 21,30 ora locale ed era stato tenuto in vita dalle macchine per la ventilazione extra-corporea. Si era diffusa sui media cinesi la notizia della morte del medico eroe, ma l'ospedale di Wuhan, attraverso il Global Times aveva smentito.

Coronavirus, come si trasmette: ecco cosa sappiamo, igiene prima linea di difesa
 


Chi è. Li Wenliang era un medico cinese conosciuto in tutto il mondo per aver scoperto il misterioso virus che sta spaventando tutto il mondo. Il dottore, 34 anni specialista oculista, Li, oftalmologo di 34 anni, aveva notato a dicembre sette casi di un virus che gli ricordava la Sars, la sindrome che nel 2003 uccise 349 persone solo in Cina, all'ospedale di Wuhan dove lavorava. 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, caso sospetto tra i 56 ricoverati alla Cecchignola. Nave in quarantena in Giappone, 35 gli italiani

Le condizioni. Aveva notato sette casi dalle caratteristiche simili oltre un mese fa e aveva lanciato l'allarme all'ospedale di Wuhan, dove lavorava. Ma rimase inascoltato. Oggi il cuore di Li Wenliang ha smesso di battere, dopo aver combattuto per giorni contro il coronavirus. L'oftalmologo resta attaccato alla vita solo grazie ad una macchina che gli consente di respirare. La notizia della morte, annunciata in un primo momento dai media cinesi e ripresa da tutta la stampa mondiale, è stata in serata corretta in parte dai medici dell'ospedale di Wuhan che lo hanno in cura: l'attività cardiaca si è fermata, l'uomo continua a respirare, ma solo grazie al supporto della ventilazione extra-corporea. Il verdetto non sembra destinato comunque a cambiare.

Coronavirus, come si trasmette: ecco cosa sappiamo, igiene prima linea di difesa

L'allarme. A fine dicembre Li aveva tentato invano di avvertire i colleghi, di condividere l'allarme che quei casi sospetti gli avevano suscitato, ma le autorità locali per tutta risposta lo invitarono a non insistere. Se gli avessero dato retta, il corso dell'epidemia probabilmente avrebbe preso una direzione diversa invece di portare al blocco totale di oltre 50 milioni di persone e alla paralisi di un'intero Paese negli sforzi per frenare un contagio letale, dilagato anche all'estero. Il Global Times, tabloid del Quotidiano del Popolo, gli ha reso un omaggio tardivo annunciandone la morte con un tweet: lo ha definito «uno degli otto informatori che tentarono di mettere in guardia gli altri medici» dal coronavirus, «ma fu rimproverato dalla polizia locale».

Coronavirus, l’appello dell'ambasciatore di Pechino: «Aiutateci a vincere»

Il post. Un mese dopo la disavventura di fine dicembre, Li ripropose la sua storia in un post, affidato questa volta da un letto d'ospedale dove si trovava ormai ricoverato dopo essere stato contagiato. La sua foto con la maschera dell'ossigeno e il tesserino di identità mostrato quasi con fatica è diventata virale sui social in mandarino, perché nel frattempo si è trasformato in un eroe: ha sfidato il potere dell'autorità locale per una «nobile causa» a favore della collettività. La Bbc ha raccontato la sua vicenda personale ricostruendola dal 30 dicembre scorso, quando inviò un messaggio in una chat tra colleghi, avvertendoli del pericolo e suggerendo di adottare le protezioni necessarie contro il contagio. Era solo un'intuizione, perché il giovane dottore ignorava di trovarsi di fronte al nuovo coronavirus, dello stesso ceppo della Sars.

La lettera. Quattro giorni dopo il post diffuso via chat, Li fu convocato nell'Ufficio di Sicurezza pubblica, dove gli fu chiesto di firmare una lettera in cui ammetteva di «aver affermato il falso» e di aver creato «grave disturbo all'ordine sociale». Tra l'altro, a ridosso delle migrazioni bibliche del Capodanno lunare. Non fu il solo comunque: la polizia fece sapere che Li era una delle otto persone oggetto di indagine per la «diffusione di notizie false». A fine gennaio, il giovane medico ripubblicò su Weibo, il Twitter in mandarino, copia della lettera spiegando quanto era accaduto, mentre le autorità avevano già presentato le dovute scuse, sotto la minaccia delle sanzioni contro i funzionari locali «incapaci e infedeli» decise dal partito e dal presidente Xi Jinping in persona.
 

 

Eroe. Nel frattempo, tornato in corsia, l'oftalmologo aveva avuto in cura una donna contagiata a sua insaputa dal coronavirus, nei giorni in cui le autorità a Wuhan insistevano sul fatto che solo chi era entrato in contatto con animali infetti era a rischio, e nessun protocollo specifico era previsto per i medici. Nel suo post, Li descrisse minuziosamente i sintomi e le relative evoluzioni, fino alla diagnosi dopo diversi test. Il suo coraggio è diventato un esempio per Pechino contro i funzionari locali, in una fase delicata che sta scuotendo come non mai la solidità della leadership del Dragone. I commenti al suo post sono migliaia: «Il dottor Li è un eroe», «per la pubblica sicurezza sanitaria servono decine di milioni di Li Wenliang». Omaggi che suonano ormai tardivi e dal sapore amaro.Un mese dopo Li ripropose la sua storia in un post, affidato questa volta da un letto di ospedale dove si trovava ormai ricoverato dopo essere stato contagiato. La sua foto con la maschera dell'ossigeno e il tesserino d'identità mostrato con fatica è diventata virale sui social in mandarino, perché nel frattempo è diventato un eroe: ha sfidato il potere dell'autorità locale per una «nobile causa» a favore della collettività. Aveva capito che il virus che stava circolando a Wuhan era sospetto e aveva previsto anche l'epidemia. Il dottore credeva si trattasse di Sars, quando ancora non si conosceva il ceppo virale. A fine dicembre scrisse in una chat tra colleghi quali erano i suoi dubbi e timori, ma le autorità lo obbligarono a tacere.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, contagiato anche il medico che scoprì la malattia a Wuhan e non fu creduto

Li Wenliang fu arrestato per procurato allarme, accusato di aver inventato qualcosa che non esisteva per spaventare la popolazione, ma è stato poi scarcerato, visto che, di fatto, l'allerta c'era. Il medico era tornato a lavorare in ospedale, ma si è ammalato e la sua malattia ha destato molte polemiche. L'aver preso inizialmente sotto gamba il virus ha causato il contagio e adesso le sue condizioni di salute sono critiche. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 8 Febbraio, 10:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA