Coronavirus, diretta. In Usa 2.000 morti al giorno a metà aprile. Trump: «Aiuti sanitari all'Italia per 100 milioni di dollari»

Lunedì 30 Marzo 2020
Coronavirus, diretta: oltre 34mila vittime nel mondo. Borse in picchiata, Madrid -3,55%

Coronavirus, negli Stati Uniti il numero delle vittime da Covid-19 sale a oltre 3.500 e supera quello ufficiale della Cina. È quanto emerge dagli ultimissimi dati che parlano di oltre 175mila casi di contagioUno dei nuovi modelli statistici usati dalla task force Usa contro il coronavirus prevede circa 2.000 morti al giorno a metà aprile. Lo riferisce la Cnn. Oggi negli Usa ci sono state oltre 770 vittime.

Oltre 42.000 morti nel mondo, 855.000 casi. I morti a causa del coronavirus hanno superato quota 42.000 a livello mondiale, mentre i casi di contagio sono ora più di 855.000: è quanto emerge dai dati aggiornati della John Hopkins University. Sono 177.857 le persone finora guarite. Secondo l'università americana i decessi sono 42.032 ed i contagiati 855.007, di cui oltre il 20% (186.265) negli Usa, vale a dire il Paese con il più alto numero di casi a livello globale, seguito da Italia (105.792) e Spagna (95.923).

Gli Stati Uniti invieranno in Italia materiale sanitario per 100 milioni di dollari: lo ha detto il presidente americano Donald Trump spiegando anche che gli Usa stanno già fornendo respiratori all'Italia così come alla Spagna e alla Francia. «Giuseppe - ha aggiunto Trump riferendosi al presidente del Consiglio Giuseppe Conte - era molto contento».

Coronavirus Usa, 17enne morto perché senza assicurazione: pronto soccorso lo ha respinto

Coronavirus, ecco come entra nelle cellule: dalla scoperta italiana nuovi possibili farmaci da usare contro il virus

Se le vittime causate dal coronavirus negli Stati Uniti non supereranno 100mila «potremo dire di aver fatto un lavoro molto buono». Lo ha detto il presidente Usa, Donald Trump, nel corso del briefing della task force statunitense contro il coronavirus. Trump ha quindi annunciato la proroga di un mese delle misure messe in campo dall'Amministrazione per contenere la propagazione del Covid-19 nel Paese. 

L'America è pronta ad affrontare una eventuale nuova ondata di casi di Covid-19 dopo l'estate: lo ha detto Donald Trump dopo che il virologo Anthony Fauci ha prospettato l'ipotesi di un ritorno del virus in autunno. «Potrebbe davvero accadere, ma sarebbe tutta un'altra cosa» grazie alla maggiore capacità di fare i test e alla possibilità di arrivare a un vaccino«, ha spiegato il superesperto della task force della Casa Bianca. »Speriamo non accada«, ha quindi affermato Trump, »ma siamo pronti«.

L'emergenza coronavirus potrebbe tradursi nella perdita del posto di lavoro per 47 milioni di persone negli Stati Uniti entro la fine di giugno. Lo riporta Fortune citando uno studio della Fed di St. Louis.Secondo le stime dell'economista Miguel Faria-e-Castro il tasso di disoccupazione americano potrebbe volare al 32,1% nel secondo trimestre, superando di gran lunga il picco della Grande Depressione del 24,9%. Numeri «alti rispetto agli standard storici - osserva Faria-e-Castro - ma questo è uno shock unico come nessun altro negli ultimi 100 anni».

Francia: 500 morti in un giorno. È di 499 morti l'aumento record di vittime di coronavirus in un giorno in Francia, che fa salire il totale a 3.523 decessi. Il numero dei contagiati è di 52.128, secondo il direttore generale della Sanità in Francia, Jerome Salomon. Di questi, 22.757 sono ricoverati in ospedale e 5.565 sono nei reparti di rianimazione (558 in più rispetto alle ultime 24 ore). I guariti, dimessi dagli ospedali, salgono a 9.044.

Nave dalla Turchia. Una nave cargo della Mezzaluna rossa turca che trasporta materiale sanitario per la lotta al coronavirus giungerà nei prossimi giorni in Italia. Lo ha annunciato stasera il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, spiegando che si tratta di un gesto di solidarietà verso un Paese «che sta attraversando un periodo difficile». Un aereo di aiuti medici verrà anche inviato in Spagna. 

Sale a 146 il numero dei morti con coronavirus in Africa. I dati diffusi stamani dal Centro di controllo delle malattie dell'Unione Africana (Cdc Africa) confermano che restano 46 i Paesi del continente colpiti dalla pandemia con un totale di almeno 4.760 casi di infezione. Ci sono anche le buone notizie: sono 335 le persone guarite dopo aver contratto la Covid-19. Secondo gli ultimi dati sono 19 i Paesi in cui si registrano vittime: Egitto (40), Algeria (31), Marocco (26), Burkina Faso (12), Tunisia (8), Repubblica democratica del Congo (8), Ghana (5), Mauritius (3), Sudan (2), Camerun (2), Kenya (1), Gambia (1), Gabon (1), Zimbabwe (1), Capo Verde (1), Nigeria (1), Niger (1), Togo (1) e Sudafrica (1). I Cdc riferiscono di una vittima in Sudafrica nonostante il 27 marzo le autorità sanitarie del Paese avessero confermato il decesso di due persone a causa del coronavirus.

Germania, oltre 62mila contagi. Sono saliti a 62.435 i casi di contagio da Coronavirus in Germania, stando ai dati della John Hopkins University, e le vittime sono 541. Per il Robert Koch Institut, che ha aggiornato i dati ufficiali a mezzanotte, il numero dei positivi è 57.298 (quasi cinquemila casi più del giorno precedente) e 455 sono le vittime.

Coronavirus, i casi superano i 700mila. I casi confermati di contagio da coronavirus nel mondo hanno superato la soglia di 700mila casi e sono, in base ai dati disponibili alle 9 odierne, 715.204. Lo indica la Afp sulla base di fonti ufficiali. I decessi sono 33.568 e riguardano 183 Paesi o territori.

Spagna sopra gli 80mila casi. I casi di contagio in Spagna hanno superato quota 80.000 e si avvicinano a quelli registrati finora in tutta la Cina: è quanto emerge dai dati della John Hopkins University. Per l'esattezza, la Spagna conta ora 80.110 casi contro gli 82.156 della Cina. I morti in Spagna sono 6.803 e le persone guarite sono 14.709. 

Placido Domingo è stato dimesso da un ospedale di Acapulco, in Messico, dove era ricoverato da alcuni giorni dopo aver contratto il virus Covid-19. Lo annuncia lo stesso tenore su Facebook, aggiungendo di essere a casa e di sentirsi bene. Ora continuerà la convalescenza nella residenza di sua proprietà nella città messicana. La notizia mette fine alle congetture su un presunto peggioramento delle condizioni di salute dell'artista spagnolo che ha 79 anni.

Borse in picchiata. Il crescere del contagio in Europa, con l'assenza di una decisione a livello di Consiglio Ue sui 'coronabond', appesantisce ulteriormente i principali listini europei. La peggiore è Madrid, che lascia sul campo il 3,55% a 6.536 punti. Sotto pressione anche Londra (-2,9% a 4.227 punti), più caute Parigi (-1,73% a 4.275 punti) e Francoforte (-1,6% a 9.477 punti). Non si arresta la caduta verticale di Piazza Affari. Il Ftse Mib arriva accedere il 3% per poi ripiegare a -2,8% con il Ftse Mib a 16.385 punti. Tra i cali peggiori Unicredit (-7,38%), Intesa (-7,19%). Controcorrente Diasorin (+3,5%) impegnata in prima battuta nella ricerca per un vaccino contro il coronavirus.

Già 34mila le vittime nel mondo
I decessi provocati dal coronavirus nel mondo hanno superato quota 34mila su un totale di oltre 723mila casi: lo riporta l'ultimo bollettino diffuso dalla Johns Hopkins University. Le persone finora guarite sono 151.991. I casi di contagio sono 723.328 ed i decessi 34.005, indica l'università americana.

In Usa picco tra due settimane
Dovrebbe arrivare tra «due settimane» il picco dei decessi causato dalla pandemia di coronavirus negli Stati Uniti. Lo ha dichiarato il presidente Usa, Donald Trump, nel corso del briefing della task force statunitense contro il coronavirus. «Niente sarebbe peggio di dichiarare vittoria prima di raggiungerla. Sarebbe la sconfitta più grande di tutte», ha aggiunto Trump sottolineando che «possiamo aspettarci che entro il primo giugno saremo sulla buona strada per il recupero».

Coronavirus, diretta. Trump: «Negli Usa picco morti tra 2 settimane», si temono 200mila vittime. Cina, 44 contagi di ritorno

Trump: aiuti a Spagna e Italia
 Gli Stati Uniti «stanno aiutando molto» l'Italia e la Spagna. Lo ha detto il presidente Usa, Donald Trump, nel corso del briefing della task force statunitense contro il coronavirus. Trump ha spiegato che «stiamo inviando loro delle cose, di cui noi non abbiamo bisogno» e «li stiamo aiutando anche in termini monetari». 
 

In Cina città Jiaxing emette buoni per ripresa consumi
 La città di Jiaxing, nella provincia di Zhejiang, nella Cina orientale, ha annunciato un piano di emissione di buoni del valore di 200 milioni di yuan (circa 28,2 milioni di dollari) per aumentare i consumi colpiti duramente dall'epidemia di coronavirus. A partire dalle 20:00 di domenica, i residenti di Jiaxing potranno usufruire dei buoni su un conto pubblico WeChat in sei turni fino alla fine di aprile. 

EasyJet mette a terra tutta la flotta
EasyJet ha, oggi, messo a terra la sua intera flotta di aerei a seguito delle restrizioni di viaggio - senza precedenti - imposte dai Governi in risposta alla pandemia del Coronavirus e dell'implementazione di regimi di confinamento in molti Paesi europei. Negli ultimi giorni - si legge in una nota - la compagnia ha lavorato alacremente per il rimpatrio di numerosi passeggeri, operando oltre 650 voli di rimpatrio e riportando a casa più di 45.000 persone. Gli ultimi voli di rimpatrio sono stati effettuati ieri. 

Cina, 30 casi importati e uno interno
La Cina ha registrato domenica 31 nuovi casi di contagi da coronavirus, di cui 30 importati e uno interno nella provincia del Gansu. La Commissione sanitaria nazionale (Nhc) ha reso noto che i decessi sono saliti a 3.304 con i 4 nuovi casi riferibili all'Hubei, la provincia epicentro della pandemia. I contagi di ritorno sono adesso 723, di cui 93 risoltisi con la guarigione e 630 sotto trattamento ospedaliero (19 i casi gravi). Le infezioni sono 81.470 nel complesso, di cui 2.396 sono pazienti in cura e 75.770 guariti. 

Settecento europei, di cui 16 italiani, lasciano il Guatemala
Un gruppo di 16 turisti e uomini d'affari italiani si sono imbarcati ieri, insieme con numerosi altri cittadini di differenti Paesi d'Europa, su un volo charter organizzato dall'ambasciata tedesca e dalla rappresentanza dell'Unione Europea in Guatemala. Lo riferisce il quotidiano Prensa Libre. Il velivolo, parcheggiato nell'aeroporto internazionale La Aurora di Città del Guatemala - ha aggiunto il giornale - ha accolto a bordo circa 250 persone prima di decollare. L'ambasciatore tedesco Harlad Klein ha voluto salutare personalmente tutti i passeggeri in partenza - un terzo di un gruppo di circa 700 che devono lasciare il Guatemala - augurando loro buon rientro nei rispettivi Paesi d'Europa. Oggi e mercoledì, si è appreso infine da fonte diplomatica, lasceranno il territorio guatemalteco altri due voli speciali che riporteranno nel Vecchio Continente alcune centinaia di cittadini europei.

Quarantena prolungata in Argentina fino al 14 aprile
Il presidente argentino Alberto Fernández ha annunciato ieri sera che la quarantena in atto nel Paese si estenderà fino al prossimo 12 aprile compreso. In un messaggio rivolto alla popolazione e diffuso dalla residenza presidenziale di Olivos, dopo una giornata di incontri con esperti e amministratori locali, Fernández ha detto di «essere molto contento» per come «ci siamo comportati come società» nella prima fase dell'isolamento sociale, preventivo e obbligatorio. Il capo dello Stato ha quindi confermato che il provvedimento sarà in vigore fino a tutta la Settimana Santa, sottolineando che con esso si sta «guadagnando tempo» e assicurando che «stiamo sfruttando questa situazione molto bene», in un clima di «guerra contro un esercito invisibile che ci attacca in luoghi dove a volte non lo aspettiamo». Infine Fernández ha ricordato che l'Argentina è stata scelta dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) fra i dieci Paesi che proveranno un vaccino, cosa che implica «un riconoscimento nei nostri confronti da parte della comunità internazionale». Secondo le ultime statistiche rese note dalle autorità sanitarie, in Argentina i contagiati hanno raggiunto quota 820, di cui 20 sono morti.

Corea del Sud, scendono i casi
La Corea del Sud ha avuto domenica 78 contagi da coronavirus, meno dei 105 di sabato, quando sono stati motivo di preoccupazione i focolai a Seul (16 casi legati a una chiesa), le aree limitrofe e le infezioni importate per le quali è stata disposta la quarantena di 14 giorni a tutti gli arrivi nel Paese. Il Korea Centers for Disease Control and Prevention ha reso noto che i decessi sono saliti a 158 (+6). Le infezioni sono salite a 9.661, di cui 4.275 casi sotto cure mediche e 5.228 dimessi dagli ospedali, con un tasso di guarigione al 54%.

Ancora 800 italiani bloccati in Australia
È rapidamente cresciuto negli ultimi giorni il numero di italiani, per lo più giovani - oltre 800 secondo le stime - in contatto con le istituzioni diplomatiche italiane in Australia per cercare di rientrare in patria. Lo riferiscono oggi i bisettimanali in lingua italiana Il Globo di Melbourne e La Fiamma di Sydney, sottolineando che è difficile avere idea della cifra effettiva, «poiché sta dando i suoi frutti il lavoro dei consolati che in questo giorni stanno assistendo i connazionali a imbarcarsi su qualcuno dei pochissimi voli disponibili». Grazie anche alla collaborazione della Qatar Airways, le autorità italiane stanno riuscendo a far imbarcare le persone con esigenze maggiori, come i minori non accompagnati che erano in Australia per esperienze di studio, i cittadini italiani disabili e gli anziani venuti in Australia per motivi turistici.

Una volta risolte queste emergenze, ci si potrà dedicare anche agli altri casi, sempre più numerosi, a quanto indicano fonti consolari. La buona notizia è che sta prospettando sconti sui voli di aprile la compagnia aerea del Qatar, rimasta una delle poche a volare sull'Australia oltre a permettere il collegamento su Roma, Milano e Venezia, sempre utilizzando scali in Europa ancora aperti. Rimane tuttavia il rischio che i voli possano essere cancellati all'ultimo momento, con l'incertezza sulla possibilità di ottenere il rimborso dei biglietti. Resta la speranza che da Roma si decida di apprestare un volo in collaborazione con l'Alitalia, se i numeri di chi cerca di tornare in Italia dovessero confermarsi. A chiedere di agire in questo senso anche il comunicato rilasciato dai presidenti dei Comites dei vari stati d'Australia, riunitisi nei giorni scorsi con la presenza del senatore Francesco Giacobbe, eletto nella circoscrizione estera comprendente l'Australia. 
 

 

 

Ultimo aggiornamento: 1 Aprile, 07:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA