Corea del Nord, Kim Jong-un: «Tempi duri, carestia come nel '90»

Sabato 10 Aprile 2021
Corea del Nord, Kim Jong-un: «Tempi duri, una "marcia ardua" più difficile»
2

Tempi «duri» per la Corea del Nord, «un'altra "Marcia ardua"», un'altra "Marcia della sofferenza", ma «più difficile». Sono queste le parole pronunciate da Kim Jong-un in un discorso, al termine di una conferenza del Partito dei lavoratori, in cui descrive l'attuale situazione di crisi facendo riferimento alla carestia degli anni Novanta, quando si stima morirono tre milioni di persone. Kim mette poi in guardia i funzionari nordcoreani sui «tanti ostacoli» e sulle «difficoltà davanti a noi», a tal punto da chiedere di «intraprendere un'altra "Marcia ardua" più difficile per alleviare le difficoltà per il nostro popolo, anche solo un po'». «Il nostro partito non si aspetta che arrivino improvvisamente opportunità per spianare la strada al nostro popolo e realizzare il grandioso obiettivo e l'ideale di costruire il socialismo e il consumismo», dice nel suo discorso rilanciato dall'agenzia Kcna il leader nordcoreano. 

 

«Kim Jong-un è vivo e inaugura fabbrica insieme alla sorella», annuncio della Corea del Sud. Ma non ci sono foto

 «Come le mamme che si preoccupano sempre per la vita e la crescita dei figli, che li guidano sulla giusta strada - aggiunge - i segretari delle cellule del partito dovrebbero educare con pazienza e guidare i membri con affetto e devozione». La Corea del Nord, colpita da sanzioni internazionali, ha blindato ancor di più i confini dall'inizio della pandemia di Covid e non ha mai confermato neanche un solo contagio. Secondo la Bbc, anche il commercio con la Cina è a uno stallo. Stando alle poche organizzazioni che hanno informazioni sulla Corea del Nord, il Paese vive una situazione preoccupante dal punto di vista umanitario.

Corea del Nord, Kim Jong Un minaccia: «Il mondo sperimenterà in futuro nuova arma strategica»

Ultimo aggiornamento: 15:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA