Cina, violenta esplosione in un impianto chimico: almeno 47 morti e 640 feriti

Le foto dell'esplosione dell'impianto chimico in Cina

di Luca Calboni

Una violentissima esplosione ha squarciato la quiete della città di Yancheng,nella provincia orientale di Jiangsu, in Cina. L'esplosione è avvenuta alle 14:50 locali - prima delle 8 della mattina italiana -  a seguito di un incendio in una fabbrica di fertilizzanti, la Tianjiayi Chemical. Il bilancio è devastante: sarebbero almeno 47 le persone morte e 640 quelle ferite. Di queste, circa 90 verserebbero in condizioni gravi.

 
 

Secondo fonti locali, l'esplosione è stata così forte da aver scatenato anche un terremoto di magnitudo 2.2, percepita dalla vicina città di Lianyungang. Ancora ignote le cause che hanno portato all'esplosione, ma il Yangtse Evening Post parla di un possibile errore di un operaio. La compagnia chimica cinese produce oltre 30 tipi di fertilizzanti differenti e sembrerebbe che, in passato, l'azienda fosse stata sanzionata per non aver rispettato dei parametri di sicurezza. Intanto le autorità hanno evacuato circa 3.000 persone e arrestato i vertici dell'impianto chimico esploso.


Da Roma, il presidente cinese Xi Jinping ha ordinato il massimo impegno per i soccorsi e che sia fatto di tutto per salvare le persone intrappolate sotto le macerie degli edifici, senza dimenticare il rischio di inquinamento ambientale, dato che la Tianjiayi Chemical produce fertilizzanti.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 22 Marzo 2019, 09:59






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Cina, violenta esplosione in un impianto chimico: almeno 47 morti e 640 feriti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-03-22 18:44:25
Quando si fanno certi accordi internazionali, bisogna SEMPRE tenere presente che le aziende italiane che rispettano le norme e pagano relativamente bene spesso NON possono competere con chi ha abitudini differenti.
2019-03-22 15:18:01
Tranquilli adesso fabbriche norme e diritti dei lavoratori arrivano anche in italia sulla "via della Seta" dei 5 Stelle..ah ah ah