Catechista violenta un bimbo di tre anni nel bagno della chiesa

PER APPROFONDIRE: abusi, abusi sessuali, bimbo, catechista
Catechista violenta un bimbo di 3 anni nel bagno di una chiesa

di Alessia Strinati

Sembrava essere un uomo devoto e di cui fidarsi, in realtà era un mostro che abusava di bambini piccoli. Jacop Robert Lee Hazlett, 28enne volontario alla NewSpring Church di North Charleston, nello stato della Carolina del Sud, è stato arrestato con l'accusa di violenza su minori dopo che avrebbe abusato di un bambino di 3 anni. Il piccolo si trovava nella classe del catechismo dove erano presenti bimbi tra i 3 e i 5 anni.



Ad incastrarlo sono state le immagini delle telecamere di sicurezza che lo hanno immortalato mentre praticava atti sessuali con un bimbo di 3 anni. A quel punto, come riporta anche la stampa locale, sono scattate le indagini. L'uomo avrebbe portato il piccolo nel bagno della chiesa, lo avrebbe denudato e poi avrebbe praticato sesso orale su di lui. Fuori dal bagno però era presente una telecamera che ha ripreso tutto e lo ha incastrato, visto che la porta era rimasta aperta è stato possibile dimostrare i suoi abusi. Ora Hazlett si trova in carcere ed è in attesa di processo. L'uomo rischia fino a 25 anni di carcere senza alcuna possibilità di ottenere uno sconto di pena. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 30 Novembre 2018, 17:06






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Catechista violenta un bimbo di tre anni nel bagno della chiesa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2018-12-02 08:59:04
Un semplice animale.....ripensandoci, nemmeno animale perche' sarebbe un offesa per tutti gli animali!!!Sopprimetelo....
2018-12-01 21:36:51
Ma qui siamo di fronte a un mostro, non è un’aberrazione sessuale è un delitto di una stupefacente crudeltà. Carcere a vita!
2018-12-01 12:26:35
Qui,nella terra dei buonisti dalla pancia piena,mi sembra di aver letto che un prete non e stato condannato per avvenuta prescrizione.Ma noi siamo bravi,non siamo selvaggi,noi perdoniamo.
2018-11-30 23:44:54
Alla faccia del catechista. Nessuno aveva sospettato prima sulle sue vere motivazioni?
2018-11-30 20:51:53
Come da prassi consolidata, l'ambiente pretesco è il più lercio in queste depravazioni. Questo,poi, è da psichiatria otre che galera permanente.