Catalogna, è il giorno della verità: Puigdemont sancirà la via dell'indipendenza

PER APPROFONDIRE: catalogna, spagna
Catalogna, è il giorno della verità: Puigdemont sancirà la via dell'indipendenza
dal nostro inviato

Il parco della Ciutadela è blindato, ogni dieci metri c’è una pattuglia dei Mossos d’Esquadra, la polizia catalana, a proteggere il Parlamento. Sul cielo ci sono due elicotteri che volano sul Parlamento: uno dei Mossos, l'altro della Polizia nazionale e anche questo non è un buon segnale. La gente nelle caffetterie di Eixample s’interroga su cosa succederà dopo che alle 18 il presidente della Generalitat, Carles Puigdemont, avrà ufficializzato l’esito del referendum del primo ottobre e sancito la Dui, dichiarazione unilaterale di indipendenza. Potrebbe farlo in modo light, rinviandone gli effetti in modo da consentire una mediazione. O potrebbe al contrario premere il piede sull’acceleratore, scegliendo una linea più dura, come chiede una parte degli indipendentisti. 

«Potrebbe succedere di tutto - dice Lluis, un trentacinquenne che la notte che ha preceduto il referendum ha occupato una scuola in una piccola città dei dintorni di Barcellona per consentire il referendum e resistito alla carica della polizia nazionale -, potrebbe succedere anche che Madrid decida di arrestare Puigdemont. Entriamo in un terreno sconosciuto, visto che è la prima volta che succede tutto questo, ma il grande errore che sta commettendo il governo spagnolo e che ha commesso anche il re è non dialogare con i catalani, pensare che sia solo un problema del governo della Generalitat. Sono miopi». 

Per ora Madrid, ma soprattutto la magistratura, sta preparando il campo per un intervento traumatico. Da una parte c’è la politica: Pp, Psoe e Podemos chiedono a Puigdemont di fermarsi prima di fare qualcosa di irreversibile, Ciudadanos è per la linea dura, l’applicazione immediata dell’articolo 155 per sospendere l’autonomia della Catalogna. In parallelo la Guardia civil ha chiesto al tribunale nazionale di bloccare i conti di Anc e Omnium, le due potenti associazioni indipendentiste motore di questa iniziativa per la secessione. Resta la regina di tutte le domande: come reagirà la piazza a un intervento di questo tipo?

Intanto, gli occhi del mondo oggi sono puntati su Barcellona, ormai sono un migliaio i giornalisti e gli operatori accreditati nella sede del Parlamento. Tutti con il fiato sospeso in attesa di quello che succederà a partire dalle 18. «È una follia, una minoranza sta tenendo in scacco la Catalogna e portandoci verso il baratro, le banche e le imprese stanno fuggendo, c’è chi sta portando i propri risparmi fuori dalla Catalogna» racconta Alfredo, studente di 24 anni, contrario all’indipendenza. «Noi vogliamo solo votare - replica Lluis, indipendentista di 35 anni- spiegatelo al resto di Europa, fateci votare come avvenuto in Scozia. E accetteremo il risultato». Intanto, per oggi vicino al Parlamento sono annunciate due manifestazioni: una unionista, l’altra indipendentista.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 10 Ottobre 2017, 08:04






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Catalogna, è il giorno della verità: Puigdemont sancirà la via dell'indipendenza
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2017-10-10 20:10:46
"Ecco, la musica e finita, gli artisti se ne vanno e tu mi lasci sola…" Però, che barba!…
2017-10-10 18:54:46
... il dado è tratto.. nulla sarà più come prima.. la libertà la si conquista non la si elemosina.. scenario da guerra civile e di liberazione. due fronti difficili da tenere. ma se l'anelito di libertà è doc nulla e nessuno potrà fermarla..
2017-10-10 18:50:53
Alle 18.50 ancora niente...
2017-10-10 17:46:28
Forza Puigdemont, speriamo di poterlo fare presto anche noi!
2017-10-10 15:27:18
Un altro sedicente leader che pensa di essere al tempo delle città stato! Ma lo hanno capito che mazzata prenderanno dal punto di vista economico? Tutti vorremmo essere indipendenti da qualcosa, ma è la convivenza, anche forzata, che fa crescere, le separazioni sono ineluttabilmente le porte della dissoluzione. Amen.