Boris Johnson elogia Peppa Pig e si paragona a Mosè: industriali stupiti. Media e opposizione: «Imbarazzante». Cosa ha detto

Lunedì 22 Novembre 2021
Boris Johnson e Peppa Pig
1

Da Peppa Pig a Mosè. Battute e trovate bizzarre, in linea con il personaggio e la sua oratoria, ma questa volta il discorso del premier britannico Boris Johnson ha fatto storcere il naso a più di qualcuno. Soprattutto per il luogo e per il contesto: l'assemblea di industriali della Cbi, la Confindustria britannica

Johnson lancia la Cop26: «Se fallisce Glasgow fallisce tutto»

Tv come babysitter, la psicologa: «I genitori spieghino le storie dei cartoni»

Il celebre personaggio dei cartoni animati

Un intervento punteggiato di frasi a effetto, riferimenti folcloristici e trovate retoriche in classico stile Johnson, ma con un tasso di bizzarria che stavolta ha sorpreso i presenti. Così il premier Tory britannico ha sorpreso non pochi nel tradizionale intervento dinanzi ai rappresentati del mondo industriale, riuniti quest'anno nel nord dell'Inghilterra, territorio da anni in attesa di rilancio economico, tanto più urgente sullo sfondo del dopo Covid e del dopo Brexit. Un intervento nel quale il capo del governo di Sua Maestà è arrivato a citare Peppa Pig, celebre personaggio dei cartoni animati, a paragonarsi indirettamente a Mosè e a tratti è parso perdere il filo; almeno secondo i media più ostili, come il filo-laburista Guardian che non ha esitato a bollarlo come «sconclusionato».

Lo stupore dei presenti

Evocando la necessità che sia il settore privato a trainare la ripresa, al di là dei massicci interventi pubblici fatti dal suo stesso governo sullo sfondo della pandemia, il primo ministro ha citato l'esempio del successo di un parco a tema dedicato appunto a Peppa Pig: frutto di una creatività che i burocrati dello Stato non possono avere. «Amo Peppa Pig World, alzi la mano chi ci è stato», ha insistito rivolgendosi a una platea di uomini d'affari perplessi. Qualcuno dei presenti lo ha poi criticato apertamente per non essersi concentrato seriamente sul tema in discussione, i tanto attesi piani per il nord dell'Inghilterra. E, per di più, per aver chiesto all'uditorio se avesse mai visitato un'attrazione per ragazzi lontana centinaia di chilometri «e sei ore di macchina» dal posto in cui si trovava. Mentre non sembra aver riscosso maggior successo il suo riferimento a se stesso in veste di portatore di «un decalogo di comandamenti» per la transizione verde delle aziende verso un modello sostenibile rispetto ai cambiamenti climatici.

L'attesa per lo statista e i toni "sconclusionati"

Per Richard Swart, manager di un gruppo manifatturiero interpellato dal Mirror, altro giornale vicino al Labour, l'esibizione di BoJo, di solito in grado di divertire con la sua oratoria, questa volta sarebbe stata «catastrofica». E «ben al di sotto da quanto richiesto a un primo ministro» in un momento in cui al Paese servirebbero toni «da statista». Critiche cui l'interessato ha risposto a stretto giro rivendicando di essere stato chiaro sui punti che voleva toccare. Ma che hanno offerto all'opposizione laburista - il cui leader neo-moderato, Keir Starmer, ha quasi scavalcato a destra il premier dinanzi alla stessa Cbi anticipando un suo discorso condito di richiami alla «disciplina fiscale», alla promessa di «non sprecare danaro pubblico» e alla necessità di tenere sotto controllo i conti - la chance di tornare all'attacco. Contro un discorso definito «caotico» dalla cancelliera dello Scacchiere ombra, Rachel Reeves, e un capo di governo Tory liquidato come «un imbarazzo nazionale».

 

 

Ultimo aggiornamento: 17:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA