Bombe plananti russe, ecco come stanno cambiando la guerra in Ucraina. «Raggio di distruzione di 200 metri»

Esplosivi alati determinanti anche nell'avanzata nel Donetsk: le tre ragioni per cui sono letali

Martedì 2 Aprile 2024
Una testata FAB sopra l’Ucraina trasportata da un aereo da caccia

In una roccaforte ucraina vicino alla linea del fronte, a meno di 20 miglia dalla città orientale di Donetsk, una bomba alata è stata vista sfrecciare verso un edificio a più piani. L'esplosivo da 1.500 chilogrammi - come rivela Indipendent - ha colpito la struttura nella città di Krasnohorivka, esplodendo in una palla di fuoco prima di inghiottire l'intero edificio. La telecamera, posizionata a diverse centinaia di metri di distanza, tremava per i contraccolpi, ma il filmato che ha registrato è uno degli ultimi esempi della nuova arma mortale della Russia, che si sta rivelando devastante per le forze difensive ucraine in prima linea. Le cause della recente avanzata russa a Donetsk sono molteplici: l’Ucraina sta affrontando carenza di armi e munizioni mentre gli alleati occidentali esitano su nuovi finanziamenti e aiuti militari. Di contro, le testate FAB-1500 recentemente modificate di Mosca (il numero si riferisce al suo peso in chilogrammi) sono molte e stanno provocando ingenti danni.

LA DIFESA UCRAINA

Kiev utilizza anche bombe guidate simili alle FAB, note come "sistema di munizioni ad attacco diretto congiunto" (JDAM).

John Foreman, ex addetto alla difesa del Regno Unito a Mosca, descrive i FAB come meno efficaci dei JDAM, ma rappresentano un’arma molto più economica e in definitiva molto più facilmente disponibile per le forze russe di quanto i JDAM lo siano per l’Ucraina. La testata russa è una versione modificata delle bombe FAB dell'era sovietica, la prima delle quali, la FAB-250, fu progettata nel 1946. Questi modelli sono testate sganciate dall'aria, trasportate da aerei da combattimento, con un impatto esplosivo significativo. Ma a differenza dei suoi predecessori, tutti particolarmente potenti, è stato dotato di ali che gli permettono di volare verso il suo bersaglio, trasformandolo così in un esplosivo guidato, anziché non guidato.

COSA SONO I FAB-1500

Il FAB-1500 comprende 675 chili di esplosivo, può essere lanciato da una distanza compresa tra 40 e 70 chilometri dal bersaglio e ha un raggio di distruzione di 200 metri. È stato soprannominato il “distruttore di edifici” dai blogger di guerra russi. "Fondamentalmente, sono bombe non guidate dell'era sovietica con alette intelligenti aggiunte per attaccare obiettivi fissi con un certo grado di precisione", dice Foreman, l'ex addetto. La rotta della bomba può anche essere corretta utilizzando la navigazione satellitare o laser, migliorandone la precisione. Un soldato ucraino della 46a Brigata Aerea Separata, che ha sede nella regione di Donetsk, ha descritto l’effetto di queste bombe come “infernale”. Ha detto alla CNN: “Se sopravvivi, avrai sicuramente una contusione. Mette molta pressione sul morale dei soldati”.

 

DISTRUTTIVE E LETALI

Ci sono tre ragioni per cui si stanno rivelando così letali. In primo luogo, il loro impatto esplosivo è significativo rispetto all’artiglieria e alle munizioni utilizzate in prima linea, a causa delle loro dimensioni e peso. In secondo luogo, possono essere lanciate da una distanza di circa 40 chilometri, il che significa che l’Ucraina è costretta a utilizzare missili intercettori a lungo raggio che hanno scorte più brevi. La terza motivazione è che le modifiche di queste vecchie bombe sono economiche da realizzare. In definitiva, afferma Justin Bronk, ricercatore senior presso il think tank Royal United Services Institute (Rusi): “La Russia ha certamente la capacità di produrre più kit di bombe plananti per le vecchie bombe della serie FAB di quanto l’Ucraina ne abbia per rifornire i suoi missili terra-aria. Quindi abbatterli direttamente non è una strategia sostenibile”.

La città di Avdiivka, nell’Ucraina orientale, è stata occupata dalle forze russe a metà febbraio, dopo il ritiro delle truppe ucraine. Le linee difensive avevano sostenuto dozzine di attacchi FAB al giorno per settimane. Maksym Zhorin, il vice comandante della terza brigata d'assalto separata dell'Ucraina, gli ultimi soldati rimasti ad Avdiivka prima della caduta, ha descritto come la Russia sganciava tra le 60 e le 80 di queste bombe ogni giorno. Nessun edificio nella piccola città è rimasto intatto. “Queste bombe distruggono completamente qualsiasi posizione. Tutti gli edifici e le strutture si trasformano semplicemente in una fossa”, ha precisato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci