Bollette, papà offre 5.000 sterline alla figlia contro la crisi. Lei lo denuncia: «Ha violato ordine restrittivo»

L'uomo è finito a processo, si è dichiarato colpevole ma il magistrato lo ha "perdonato"

Domenica 25 Settembre 2022
Papà offre 5.000 sterline alla figlia contro la crisi, lei lo denuncia: «Ha violato ordine restrittivo»

Un papà britannico ha offerto alla figlia 5.000 sterline come aiuto per far fronte alla crisi economica, con l'aumento dei costi delle bollette, emersa in seguito alla guerra in Ucraina. Lei però, non solo non ha accettato il denaro, ma lo ha denunciato per aver «violato ordine restrittivo». L'uomo, Anthony Mitchell, pensionato di 73 anni, a febbraio ha inviato un sms alla figlia scrivendo: «Vedo che i tassi di interesse sono aumentati. Le cose vanno male e peggioreranno solo. Ecco 5.000 sterline per aiutarti, per favore prendili, pensaci un po' prima di chiamare la polizia». Tuttavia questo gesto ha violato l'ordine restrittivo che gli vieta di avere qualsiasi contatto con la donna, un'ordinanza emessa nel 2018 a seguito di una lite familiare e in vigore fino al 2030.

Papà offre soldi alla figlia, lei lo denuncia

L'uomo è finito quindi a processo. «L'imputato ha inviato un messaggio di testo a sua figlia. Lei non ha mai risposto al messaggio e lo ha giustamente denunciato alla polizia», ha dichiarato il pubblico ministero Zaine Riaz. «L'imputato ha detto alla polizia di essere preoccupato per il fatto che sua figlia allevi i suoi figli nell'attuale clima finanziario. Sua figlia, al contrario, non vuole alcun contatto con lui». Anthony Mitchell, di Eaton Street, nel Northwood, si è dichiarato colpevole di aver violato l'ordine restrittivo. È la sua prima condanna penale.

 

La condanna (lieve)

I magistrati hanno dichiarato a Mitchell che la violazione di un ordine restrittivo era «una questione seria», ma considerato le attenuanti del motivo che ha portato al gesto, ha scelto una condanna mite concedendogli un congedo condizionale di 12 mesi. Ciò significa che non sarà punito se rimarrà fuori dai guai per il prossimo anno. 

Ultimo aggiornamento: 27 Settembre, 14:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci