Bimotore si schianta prima dell'atterraggio: neonato trovato vivo accanto ai corpi dei genitori

Giovedì 15 Ottobre 2020 di Federica Macagnone
Bimotore si schianta prima dell'atterraggio: neonato trovato vivo accanto ai corpi dei genitori

Una scena di morte. I detriti di un aereo ancora in fumo. I cadaveri di quei tre adulti, tragicamente rimasti uccisi nello schianto e poi quel pianto, quel vagito che ha portato una folata di vita in mezzo a quel campo dove c’era solo morte.

Urto tra aereo e asso della tuta alare a Cremona: morti il pilota e il paracadutista, salvi altri sette 

Muore carbonizzato nello schianto del deltaplano caduto in fase di decollo a Ragusa

È una storia incredibile quella che arriva da Ubaté, in Colombia, dove il piccolo Martin, un bambino di pochi mesi, è sopravvissuto allo schianto del bimotore sul quale viaggiava con il papà Fabio Grandas Ramírez, un medico, la mamma, l'avvocato Mayerly Díaz Rojas e una donna. La tragedia è avvenuta martedì mattina: il velivolo era decollato da Santa Marta e avrebbe dovuto atterrare all'aeroporto di Guaymaral, a circa settanta chilometri dal luogo della tragedia. Poco prima il padre del piccolo, un pilota esperto, aveva dichiarato un’emergenza a bordo, comunicando che avrebbe provato un atterraggio d’emergenza.

Ma poco dopo il velivolo è precipitato. Viste le condizioni del mezzo, i soccorritori pensavano che avrebbero avuto solo l’amaro compito di recuperare le vittime. E invece, in mezzo a quella morte, il pianto di Martin è suonato come un piccolo miracolo. Il piccolo è stato immediatamente soccorso e portato in ospedale a Bogotà, dove ora è ricoverato per un trauma al torace e all’addome. Secondo i medici le sue condizioni sono stabili. Adesso le autorità proveranno a capire cosa è successo e quali sono state le cause dello schianto. 

Ultimo aggiornamento: 17 Ottobre, 22:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA