Bielorussia, l'Ue promette 3 miliardi in cambio della transizione democratica: in arrivo nuove sanzioni per Lukashenko

Venerdì 28 Maggio 2021
Bielorussia, l'Ue promette 3 miliardi in cambio della transizione democratica: in arrivo nuove sanzioni per Lukashenko
1

Ursula von der Leyen ha detto che l'Ue fornirà alla Bielorussia 3 miliardi di euro attraverso sovvenzioni e prestiti se il paese "cambia rotta", poiché il blocco cerca di aumentare la pressione interna sul presidente, Alexander Lukashenko. La presidente della Commissione europea ha rivolto un appello promettendo fondi in cambio di una "transizione" verso la democrazia.

 

L'appello di Ursula Von der Leyen

 

«Al popolo della Bielorussia: vediamo e ascoltiamo il vostro desiderio di cambiamento, di democrazia e di un futuro luminoso», ha affermato la Von der Leyen «E alle autorità bielorusse: la repressione, la brutalità e la coercizione non legittimerà il regime autoritario». La presidente della Commissione europea ha poi concluso: «È ora di cambiare rotta. Quando - e crediamo sia un caso di quando, non se - la Bielorussia inizierà la sua transizione democratica pacifica, l'UE sarà lì per accompagnarla». Una portavoce della commissione ha detto che Von der Leyen aveva anche scritto al leader dell'opposizione bielorussa, Sviatlana Tsikhanouskaya, e ad altre figure dell'opposizione esprimendo il suo rispetto e ammirazione per il coraggio e la forza del popolo bielorusso. Anche l'alto rappresentante dell'Ue per gli affari esteri, Josep Borrell, ha affermato che l'offerta di finanziamenti dell'UE dovrebbe essere un vero incentivo per il regime a cambiare rotta.

 

Bielorussia, UE imporrà nuove sanzioni su export, petrolio e finanza

 

Sanzioni in vista per Lukashenko

 

Questa settimana i leader dell'UE hanno concordato una serie di nuove sanzioni economiche in risposta all'arresto e alla detenzione in Bielorussia del giornalista dell'opposizione Raman Pratasevich e della sua fidanzata russa, Sofia Sapega. Entrambi sono stati arrestati dopo che il volo Ryanair FR4978, sul quale stavano viaggiando da Atene a Vilnius, è stato costretto ad atterrare a Minsk a causa di false affermazioni di una bomba a bordo. Le sanzioni, i cui dettagli devono ancora essere annunciati, si aggiungono al congelamento dei beni e al divieto di visto imposto a più di 80 funzionari bielorussi, tra cui Lukashenko e suo figlio Victor, in relazione alla repressione delle proteste pacifiche contro le elezioni presidenziali truccate dello scorso agosto. risultato. Lukashenko governa la Bielorussia dal 1994.

 

Maneskin ed Eurovision insultati dalla tv bielorussa di regime: «Pervertiti, degenerati, meglio la dittatura». Accuse anche a chi indossa il tanga Video

 

La presa di posizione di Russia e degli stati baltici

 

Nel frattempo il Cremlino ha annunciato che Lukashenko incontrerà venerdì il presidente russo, Vladimir Putin, a Sochi, per parlare dell'economia tra i due stati. All'inizio della giornata, i primi ministri dei paesi si sono incontrati a Minsk per aprire la strada ai colloqui dei presidenti. Venerdì il ministero degli Esteri lituano ha detto che stava espellendo due diplomatici bielorussi per attività incompatibili con lo status di diplomatico: “A due agenti dell'intelligence [della Bielorussia] che lavoravano sotto copertura diplomatica è stato chiesto di lasciare la Lituania. No grazie e arrivederci ”, ha detto su Twitter il ministro degli esteri Gabrielius Landsbergis, inoltre il ministro ha espresso solidarietà verso la vicina Lettonia che ha espulso il personale dell'ambasciata dalla Bielorussia.

 

Volo Ryanair dirottato in Bielorussia: «C'è una bomba sull'aereo». Così Minsk ingannò i piloti

 

 

Ultimo aggiornamento: 16:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA