Barcellona, caos in aeroporto dopo le condanne ai leader catalani: i manifestanti cantano “Bella ciao”

Lunedì 14 Ottobre 2019
Le proteste in aeroporto
2

Oltre 100 voli sono stati cancellati all'aeroporto di Barcellona per le proteste scatenate dalla condanna di 12 leader catalani da parte della Corte Suprema spagnola, come riporta El Pais. I manifestanti si sono riversati in massa in aeroporto provando anche a superare i controlli di sicurezza con biglietti truccati. nello scalo assediato cantavano «Bella ciao». La rivolta è scoppiata dopo che il  tribunale supremo spagnolo con sede a Madrid ha reso pubblica la sentenza del processo contro i 12 leader indipendentisti catalani accusati di diversi reati per i fatti che portarono alla dichiarazione unilaterale d’indipendenza della Catalogna, nell’ottobre 2017. Nove leader indipendentisti – sia ex membri del governo guidato dal presidente Carles Puigdemont, sia leader di organizzazioni della società civile – sono stati condannati per il reato di sedizione, che punisce una rivolta pubblica contro l’autorità; nessuno è stato invece condannato per il reato più grave, la ribellione. 

Catalogna, indipendentisti condannati: 13 anni a Junqueras. Puidgemont: «Aberrazione»

Immediatamente dopo l'annuncio delle pesanti condanne a Barcellona sono iniziate manifestazioni e mobilitazioni di protesta. Gli studenti universitari hanno interrotto le elezioni e dai diversi atenei della città sono partiti cortei diretti a Plaza Cataluna. Sono in corso altre mobilitazioni e manifestazioni spontanee nella città catalana, dove l'appuntamento principale è stato dato, da sindacati, partiti ed associazioni, a Plaza Sant Jaume, dove si trova la sede della Generalitat, il governo autonomo della Catalogna. 

 

«Ai passeggeri italiani si raccomanda di tenersi aggiornati attraverso Aena (http://aena.es/es/aeropuerto-barcelona/index.html) e le compagnie aeree. Per i trasporti via terra consultare http://tmb.cat/es/-/avis-2019». È quanto si legge in un tweet dell'ambasciata italiana a Madrid.

Ultimo aggiornamento: 21:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA