Litiga con mamma e papà e scappa da casa a 8 anni: violentata e uccisa da coppia di sposi

Venerdì 10 Luglio 2020 di Silvia Natella
Litiga con mamma e papà e scappa da casa a 8 anni: violentata e uccisa da coppia di sposi
3

Vika Teplyakova è morta a soli otto anni dopo essersi allontanata da casa a causa di un litigio con i genitori. La bambina russa stava camminando quando sulla strada si è imbattuta in una coppia di sposi che si è offerta di darle un passaggio. Fatale è stato quell'incontro: Kristina Dvornikov e il marito Igor l'hanno stuprata e uccisa e hanno confessato tre giorni dopo la scomparsa a Novoaleksandrovsk, città situata nel Kraj di Stavropol', nella Russia europea meridionale.

Bimbo di 21 mesi muore annegato nella piscina di casa a Bra, in Piemonte

Malore in casa, Alessia muore a 22 anni dopo otto giorni di agonia

In tanti si erano mobilitati nelle ricerche per aiutare i genitori. Lunedì scorso Dvornikov, 32 anni, ha raccontato alla polizia locale di averle dato un passaggio. «L'uomo ha detto alla moglie che avrebbe attaccato la bambina ma lei non avrebbe fatto nulla per fermarlo perché era troppo spaventata», ha dichiarato una fonte al Daily Mail.

Da una prima ricostruzione sembra che la piccola sia stata violentata e strangolata con un sacchetto di plastica lo stesso giorno in cui è scomparsa. La Dvornikov ha indicato alla polizia il luogo in cui era nascosto il corpo. Inizialmente Igor ha negato il rapimento, ma in seguito ha confermato quanto raccontato dalla moglie.

 

Ultimo aggiornamento: 11 Luglio, 12:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA