Australia, un numero verde per le questioni etiche legate al Covid: ecco gli «operatori di orientamento»

Lunedì 30 Agosto 2021
Australia, un numero verde per le questioni etiche legate al Covid: ecco gli «operatori di orientamento»

Un numero verde gratuito in Australia per aiutare a risolvere le questioni etiche legate alla pandemia di coronavirus: se denunciare un picnic avvenuto senza distanziamento sociale o un conoscente che ha partecipato a una protesta illegale contro il lockdown, oppure come conciliare il proprio lavoro con la didattica a distanza dei figli. Lo gestisce l'Ethics Centre con i suoi cosiddetti «operatori di orientamento» volontari, che non offrono consigli nè risposte, ma pongono domande poichè - spiega la direttrice Michelle Bloom al Sydney Morning Herald - l'obiettivo della hotline non è quello di fornire consigli.

Variante Delta, maestra non vaccinata contagia mezza classe: il caso diventa uno studio del Cdc

Il 92% delle persone che finora hanno chiamato il numero verde riferisce che gli operatori del centro li hanno assistiti nel trovare una maniera migliore di pensare e di decidere su un problema e il 90% dice di sentirsi meglio, spiega Bloom. «È molto incoraggiante… Siamo convinti della nostra ipotesi, secondo cui le migliori risposte e i migliori consigli stanno nella persona stessa», aggiunge la direttrice del centro.

«La maggior parte delle persone che chiamano sentono di essere arrivate a una decisione già entro la fine della chiamata, o hanno fiducia di avere gli strumenti per superare la paralisi decisionale», sottolinea. Oltre un terzo delle chiamate riguarda questioni etiche legate alla pandemia. Queste includono se denunciare violazioni del lockdown o se sistemare un familiare anziano in una casa di riposo, dato il numero di decessi da Covid in quelle strutture.

Ultimo aggiornamento: 31 Agosto, 10:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA