Iraq, l'Isis rivendica l'attacco ai militari italiani: «Colpiti gli apostati»

PER APPROFONDIRE: attentato, iraq, isis, militari
Iraq, l'Isis rivendica l'attacco ai militari italiani: «Colpiti gli apostati»
L'Isis ha rivendicato l'attacco nel quale sono rimasti feriti cinque soldati italiani avvenuto intorno alle 12.30 di ieri, domenica 10 novembre. L'attentato è avvenuto nell'area di Palkana, a sud di Erbil, nel nord dell'Iraq, mentre era in corso un'operazione della task force 44 con i peshmerga curdi.

Iraq, stabili i 5 militari italiani feriti: 3 sono gravi. Ecco i nomi
Siria, prete ucciso dall'Isis insieme a suo padre: attacco armato mentre erano in auto
Attentato in Iraq, il generale Gian Marco Chiarini: «Non c'è missione a rischio zero ma è un lavoro fondamentale»




«Con l'aiuto di Dio, soldati del Califfato hanno colpito un veicolo 4X4 con a bordo esponenti della coalizione internazionale crociata ed esponenti dell'antiterrorismo peshmerga nella zona di Kifri, con un ordigno, causando la sua distruzione e ferendo quattro crociati e quattro apostati». È quanto si legge nel comunicato dell'Isis, diffuso attraverso l'agenzia di propaganda Amaq, con il quale lo Stato Islamico rivendica l'attentato di ieri contro i militari italiani e quelli iracheni.
 






 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 11 Novembre 2019, 16:32






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Iraq, l'Isis rivendica l'attacco ai militari italiani: «Colpiti gli apostati»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2019-11-13 19:11:12
Le cronache di oggi ci dicono che un distaccamento di forze speciali partecipava a una missione contro l'Isis (per addestrarsi, ovviamente). I cinque feriti erano a bordo di un pick-up commerciale che NON offriva ALCUNA protezione contro gli IED. Oggi a Roma in zona Tor Cervara ho visto un blindato Lince parcheggiato di fronte a un bar/ristorante. Sicuramente gli operatori erano impegnati in qualche pericolosissima missione che obbligava l'impiego di un mezzo del genere. Mentre le forze speciali in missione dovevano impiegare un furgoncino qualunque. Lo scandalo nasce non dall'impiego del Lince a Roma (dove comunque il rischio di attentati non e' certo zero) ma che FORSE, per motivi politici di "bassa visibilita' " i nostri soldati in azione sono rimasti gravemente feriti perche' il Lince NON si poteva utilizzare, altrimenti chissa' cosa dicevano le anime belle. Ridicoli. Ipocriti.
2019-11-12 11:08:48
…..guardia....abassata….?
2019-11-12 10:55:19
….e noi…?.....solo delicatezze ...per i loro ex combattenti…..!....loro sparano e noi….solo preghiere….!
2019-11-12 05:31:36
Non si capisce bene se i Soldati fossero a bordo di mezzo Lince o in avanscoperta appiedati..ed eventualmente se fosse proprio medolologia necessaria alla situazione.
2019-11-13 20:10:34
Furgone Ford, come se fossero in gita sul lungomare