Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ameba mangia-cervello infetta ragazzino mentre nuota: «Ora combatte per la vita»

Il 13enne è stato colpito dall'infezione dopo una giornata al mare in Florida: sedato e intubato in ospedale

Martedì 26 Luglio 2022
Ameba mangia-cervello infetta ragazzino mentre nuota: «Ora combatte per la vita»

Una nuotata in una giornata spensierata si è trasformata in un incubo per un adolescente in Florida. Lotta tra la vita e la morte dopo essere stato ricoverato in ospedale per essere finito "sotto attacco" di un'ameba mangia-cervello. Caleb Ziegelbauer, 13 anni, ha contratto l'infezione derivante dall'organismo mentre nuotava a Port Charlotte Beach, a inizio luglio.

Vaiolo delle scimmie, Sebastian contagiato al New York Pride: «Urlavo per il dolore, lasciato senza medicine e assistenza»

Ameba mangia cervello, ragazzo in fin di vita

Cinque giorni dopo, ha iniziato ad avvertire un forte mal di testa, seguito poi da febbre e disorientamento. Caleb è stato portato d'urgenza in ospedale dove gli è stata diagnosticata una meningite e ricoverato nelle unità di terapia intensiva psichiatrica. I medici hanno poi confermato: l'ameba era la causa del suo male.

Nella maggior parte dei casi, molte delle persone infette non mostrano alcun sintomo poiché l'ameba vive tranquillamente nel loro intestino. Tuttavia, in alcuni esseri umani, il parassita attacca l'intestino stesso e può causare diarrea, ulcere intestinali e ascessi epatici potenzialmente fatali.

I sintomi

Caleb mostrava sintomi da un paio di giorni prima che la famiglia si rendesse conto di quello che stava realmente accadendo, ossia che aveva contratto l'ameba durante la nuotata. Il ragazzo è stato sedato e intubato in ospedale. Le risonanze magnetiche a cui è stato sottoposto mostrano danni al cervello provocati dall'ameba.

La malattia

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, la Naegleria fowleri è una malattia rara che è quasi sempre fatale, con solo quattro persone su 154 negli Stati Uniti che sono sopravvissute all'infezione dal 1962 al 2021. Provoca una quasi sempre fatale infezione del cervello chiamata meningoencefalite amebica primaria.

Ultimo aggiornamento: 27 Luglio, 15:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci