Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L’ipotesi di Colao premier. Il pressing per il rimpasto

Ma anche senza cambio a palazzo Chigi la maggioranza preme per nomi nuovi

Mercoledì 19 Gennaio 2022 di Mario Ajello
L ipotesi di Colao premier. Il pressing per il rimpasto

Il premier non fa scenari e tantomeno parla di rimpasti. Ma sia che Draghi vada al Quirinale sia che resti a Palazzo Chigi, la compagine del governo è destinata a cambiare. Come possibili guide dell’esecutivo, nel caso l’ex presidente della Bce traslochi sul Colle, il nome più gettonato in queste ore - al punto che alcuni esponenti di FdI, come il deputato Mollicone, mettono le mani avanti: «Non ci auguriamo che l’attuale ministro dell’Innovazione diventi premier» - è quello di Vittorio Colao, considerato insieme a Marta Cartabia un continuatore dell’agenda Draghi senza Draghi e una figura di garanzia per il cammino del Pnrr e il varo delle riforme connesse. Sarebbe un governo con nuovi innesti quello targato Colao (o quello Cartabia) ma anche se dovesse restare Draghi a Palazzo Chigi - e al momento nessuno sa quale sarà la sua destinazione - l’esecutivo avrà le porte girevoli con ministri che escono e ministri new entry.

Nei Palazzi della politica, la composizione della squadra di governo 2022-2023 con o senza Draghi è al centro dei desiderata dei vari partiti e dei ragionamenti in corso. Non tanto per il cosiddetto «esecutivo dei leader» che i due Mattei - Salvini e Renzi - vedono bene ma è un’ipotesi che non sta spopolando tra gli altri. Quanto per un governo di continuità con quello tecnico-politico di Draghi e l’aggiunta di un peso maggiore dei partiti o comunque di figure diverse da quelle viste finora. La voce su Tajani ministro si sta facendo insistente. E intanto dei tre attuali titolari forzisti di dicastero, esponenti di quel berlusconismo se non critico di sicuro non sempre allineato senza se e senza ma, resterebbe - secondo chi ha le mani in pasta nel grande ricambio - la sola Maria Stella Gelmini. Chi difficilmente figurerà nel post-Draghi o nel nuovo Draghi in salsa Colao o Cartabia, è Luciana Lamorgese.

 

Quirinale, Berlusconi: «Non deluderò chi mi ha dato fiducia». Meloni: «FdI farà la sua parte»

​Quirinale, kingmaker: chi sono, cosa fanno e perché. Ma nei partiti regna la confusione

 

Le caselle

Salvini vuole per sé il Viminale, il che non significa tornarci personalmente, ma essere di nuovo il perno della narrazione della lotta anti-sbarchi. Il ministero dell’Interno come luogo cruciale, per la Lega, da dove rivaleggiare con FdI in vista del voto del 2023. E ancora: nella casella altri ministri uscenti ci sarebbero Cingolani (lui stesso più volte ha detto che il suo compito lo ha concluso) e Giovannini (gran ritorno della dem De Micheli ai Trasporti?). Del Pd inamovibile Guerini, che alla Difesa ha ben meritato secondo tutti, mentre tra Orlando e Franceschini si dovrà fare spazio a una donna (in linea con il femminismo lettiano). Capitolo 5 Stelle: è data per scontata la permanenza di Di Maio alla Farnesina, mentre Conte aspira a piazzare in consiglio dei ministri due fedelissimi al posto di D’Incà e della Dadone (si dovrebbe salvare Patuanelli): sarebbero Mario Turco e Alessandra Todde. Quanto al premier, Draghi uber alles ma i 5 stelle continuano a insistere su Franco e accetterebbero Colao soprattutto per evitare la Cartabia. 
Alla girandola ministeriale si sta insomma lavorando, ma il Quirinale ovviamente è la priorità.

 

 

Ultimo aggiornamento: 15:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci