Unimpresa: in questa legislatura mille miliardi di titoli di Stato da rinnovare

Martedì 22 Maggio 2018
«Il debito pubblico da rinnovare nella legislatura appena cominciata ammonta complessivamente a 900 miliardi di euro, ma con la quota annuale di bot si superano i 1.000 miliardi di euro». A rilevarlo è un'analisi del Centro studi di Unimpresa sui titoli di Stato in circolazione dalla quale emerge che «tra il 2018 e la fine del 2022, arrivano a scadenza, nel dettaglio, 47 miliardi di bot, 734 miliardi di btp, 85 miliardi di cct e 32 miliardi di ctz».
  Secondo l'analisi del Centro studi di Unimpresa, che ha incrociato dati della Banca d'Italia e del ministero dell'Economia, «considerando i circa 100 miliardi annui di bot emessi e rinnovati, l'ammontare
complessivo di debito da rifinanziare nella prossima legislatura è ampiamente superiore a 1.000 miliardi».
«In attesa del nuovo governo e del programma di riforme che sarà delineato, mettiamo a disposizione dell'opinione pubblica un dato che, a nostro giudizio, è sottovalutato e invece è centrale: il peso del debito pubblico, che supera quota 2mila miliardi, ci sta schiacciando, e le scadenze dei titoli di Stato sono il cappio alla gola con il quale gli investitori, le case d'affari internazionali e le banche italiane ci tengono sotto schiaffo» commenta il vicepresidente di Unimpresa, Claudio Pucci.

  Ultimo aggiornamento: 16:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA