Sergio Marchionne in coma irreversibile, Fca in forte ribasso sui mercati

PER APPROFONDIRE: borsa, fca, ferrari, fiat, sergio marchionne
Sergio Marchionne in coma irreversibile, Fca in forte ribasso sui mercati
Sergio Marchionne è in coma irreversibile e non tornerà alla guida di Fca. Le sue condizioni si sono improvvisamente aggravate nei giorni scorsi, tanto da accelerare il processo di transizione al vertice del gruppo automobilistico, previsto invece per il prossimo anno. Il primo appuntamento per l'inglese Mike Manley, il nuovo amministratore delegato della casa automobilistica che fa capo alla famiglia Agnelli, è la riunione al Lingotto, oggi e domani, del Gec, l'organismo decisionale del gruppo.

Intanto in Borsa la notizia dell'addio di Marchionne fa scivolare pesantemente i titoli del gruppo in avvio. Le azioni perdono il 4,3% a 15,71 euro euro nella prima seduta dopo l'avvicendamento con Mike Malley. Non riesce a fare prezzo Ferrari (-5% teorico), alla cui presidenza siede Louis Carey Camilleri e Cnh (-2,54% a 8,59 euro), guidata ora da Suzanne Heywood. Debole anche Exor (-4,59% 54,08 euro) a monte della catena.

Marchionne intanto è ricoverato all'Universitatsspital di Zurigo, l'ospedale universitario che sorge su una delle colline che si affacciano sul lago di questa cittadina al centro della Svizzera, da oltre tre settimane. Ufficialmente il manager  che ha salvato la Fiat ha subito un'operazione alla spalla destra per cui era previsto un breve periodo di convalescenza. Poi però la situazione si è aggravata. Si parla di terapia intensiva e di condizioni irreversibili ma di ufficiale non c'è nulla, la famiglia non parla, l'azienda neanche e dall'ospedale non arrivano bollettini medici. L'accesso ai media è off-limits, difficile superare il cordone, discreto ma fermo, della security.

Di certo, fino ad ora, ci sono solo il cambio al vertice di Fca e le parole di ieri del presidente del gruppo John Elkann: «Sono profondamente addolorato per le condizioni di Sergio. Si tratta di una situazione impensabile fino a poche ore fa, che lascia a tutti quanti un senso di ingiustizia». Ed è carica di tristezza anche la lettera che il presidente di Fca ha scritto ai dipendenti sottolineando che le condizioni di Marchionne «sono purtroppo peggiorate nelle ultime ore e non gli permetteranno di rientrare in Fca».

L'ultima apparizione del manager risale allo scorso 26 giugno a Roma per la consegna di una Jeep Wrangler ai Carabinieri per servizi di controllo sulle spiagge romagnole. Poi il ricovero, quindi il precipitare della situazione con le voci sempre più insistenti di un avvicendamento più rapido al vertice del gruppo. Il resto è storia delle ultime ore, con la compagna Manuela Battezzato e i due figli che si alternano al suo fianco.

Tanti i messaggi di vicinanza della politica, dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che si è informato subito con l'azienda, al premier Giuseppe Conte: «Apprendo con profondo dispiacere le ultime notizie riguardanti le condizioni di Sergio Marchionne. In questo momento il mio commosso pensiero va ai suoi familiari». Silvio Berlusconi ha speso parole più che lusinghiere per Marchionne: «Sono molto colpito», ha detto, per l'aggravarsi così repentino delle condizioni di quello che «è certamente il numero uno dei manager italiani». Mentre l'ex premier Paolo Gentiloni ha parlato della storia di Marchionne e della Fiat come di un «esempio per tutti». Dopo la «riconoscenza» e il «rispetto» sottolineati da Matteo Salvini, anche il vicepremier Luigi Di Maio si è detto addolorato e, esprimendo «rispetto» per il dolore della famiglia, si dice rammaricato di non aver incontrato il manager, con cui gli sarebbe piaciuto parlare di auto elettrica. 

BORSA - Sul FTSE MIB, gli occhi sono tutti puntati su FCA che scivola, ma fa peggio Ferrari - dopo il ko di ieri -  che mostra ribassi del 3,17% e si posiziona in fondo al principale listino milanese.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 23 Luglio 2018, 09:14






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Sergio Marchionne in coma irreversibile, Fca in forte ribasso sui mercati
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2018-07-23 18:40:54
Marchionne ha fatto esclusivamente gli interessi dei maggiori azionisti a scapito di quelli dei dipendenti, e dello stato italiano, perchè i governi in carica, di centrodestra-sinistra, gli hanno lasciato mano libera nelle sue delocalizzazioni all'estero. Quindi si può ben dire ad alta voce che gli unici ad aver beneficiato della sua opera siano stati gli Agnelli ed altri grandi azionisti, non certo gli operai FIAT, e lo stato italiano, il quale anzi non ha visto tornare indietro un solo centesimo dei soldi pubblici investiti nell'azienda torinese. Pertanto non c'è niente da santificare in quello che ha fatto Marchionne, come vorrebbero invece farci credere le TV e i giornali in mano al PD e ad FI, e se all'epoca dei fatti in questione ci fosse stato un ministro come Di Maio, questa maxitruffa ai danni degli italiani gli sarebbe riuscita, a dir poco, impossibile. Da ricordare che mentre Marchionne delocalizzava all'estero e chiudeva gli stabilimenti italiani, i maggiori sindacati avevano preso invece l'incarico di far star buoni gli operai.
2018-07-23 16:17:55
Marchionne è ancor oggi membro del cda della Philip Morris come del resto il suo successore alla Ferrari, quel tal Camelleri che di Philip Morris ne è il Chief Executive Officer CEO. Fu grazie a Marlboro grande sponsor della Ferrari che si intrecciò il rapporto Marchionne - Fiat, quelle Marlboro che fumava avidamente e lo hanno fatto ammalare.
2018-07-23 13:51:52
X comico: il sito critico e leone da tastiera. Porta tu un'azienda dall'orlo del fallimento a triplicare il fatturato e a fare profitti, a salvare non una ma varie aziende di cui una la fiat e l'altra la Chrysler che nemmeno la Mercedes era riuscita a salvare...e via discorrendo. Tantevvero che ci ha rimesso la salute...un grande personaggio criticato in patria come al solito...invece di imparare qualcosa e perlomeno essere se non grati almeno rispettosi di uno nelle sue condizioni...uno che ha dato l'esempio di come un paese come il nostro da' dellenpersone ottime e puo' riuscire...partendo, purtroppo, da fuori. Gli altri, gli elegantono con "evve" moscie e molto "social" capaci solo di fare disastri o finire sui rotocalchi ma sostanza non tanta...
2018-07-23 13:38:15
Zurigo una "cittadina"??? ....beh...non sara'Los Angeles,N.York, Mosca,Londra....ma definirla una "cittadina"...
2018-07-23 12:35:49
Un uomo come milioni..che soffrono e muoiono ogni giorno! L'unico vezzo? Era famoso ma non e' tutta farina del suo sacco.Dietro ci sono analisti economisti specialisti in marketing e strategie aziendali. Lui era il volto da far vedere in giro e dubito fortemente che tirasse fuori miliardi di euro da parte sua!