Infrazione, l'Ue dà 7 giorni all'Italia. Conte: lettera di risposta quasi pronta

PER APPROFONDIRE: eurogruppo
L'Eurogruppo avvisa l'Italia: rispetti le regole
Il pressing sull'Italia si fa sempre più forte e alla fine della due giorni di riunioni in Lussemburgo il messaggio unanime della Ue, dalla Commissione agli Stati membri, emerge con chiarezza: il governo ha più o meno una settimana per convincere l'Europa a non aprire una procedura per debito eccessivo. Se non ce la farà, tutto è pronto per andare avanti rapidamente con l'iter che potrebbe, per la prima volta, mettere in mora un Paese per il suo debito eccessivo. Il ministro dell'economia Giovanni Tria continua a dirsi ottimista, conferma che non ci saranno nuovi interventi sul deficit ma assicura che calerà ugualmente.

Una linea ribadita dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, anche lui convinto che di manovre correttive non ci sarà necessità. Di fronte ai tempi stretti indicati dall'Europa, il premier garantisce soprattutto che «la lettera italiana è quasi pronta: l'importante, spiega, »sono i contenuti«. »I nostri fatti e le nostre azioni sono scritti nei nostri bilanci, nei conti e nelle nostre entrate. Quindi i fatti ci sono«. Le riunioni tra Tria e i commissari Moscovici e Dombrovskis non hanno fatto fare progressi al negoziato.

Il ministro spiega che si sono gettate le basi per il confronto, ma in questa fase non c'è da convincere nessuno, solo da portare nuovi dati e confermare la bontà delle stime italiane sul deficit. Secondo Tria scenderà di 0,2 punti: »Dovremo dargli le cifre«, spiegargli »da dove vengono«, aggiunge. Anche perché quel target è »compensativo sul mancato raggiungimento dell'obiettivo nel 2018«. Quindi si chiuderebbe anche quel 'bucò, derivante dal mancato aggiustamento strutturale, che Bruxelles ha individuato sull'anno scorso. »Non è un problema di nuove misure o no, quello è l'obiettivo, noi pensiamo che lo raggiungiamo senza variazioni legislative«, ha assicurato Tria. A Moscovici ha anticipato i programmi »per questo e l'anno prossimo« ma, ammette, »l'unico problema è che poiché siamo a metà anno non ci saranno documenti nuovi da far uscire ma dobbiamo dimostrare quello che stiamo facendo«. Per la Ue potrebbe non essere abbastanza. »Accolgo con favore gli impegni di Tria e Conte, so che agiscono in buona fede e con buona volontà per un accordo, ma ci servono più dati, più impegni, fatti, e misure necessarie, perché alla fine le regole sono regole e i conti devono tornare«, ha detto il commissario.

Mentre Dombrovskis ha ribadito che »serve una correzione significativa«. Oppure, »per metterla semplicemente: il debito deve andare giù e non su. Questa è la sostanza delle nostre discussioni con le autorità italiane, ora sta all'Italia portare elementi aggiuntivi e misure«. Di »interventi necessari« parla anche l' Eurogruppo che, dopo aver ascoltato le proposte della Commissione Ue sull'Italia »sostiene la richiesta di prendere le misure necessarie per rispettare le regole di bilancio«, ha detto il presidente Mario Centeno. Il ministro dell'economia francese, Bruno Le Maire, chiarisce la tempistica: l'Italia ha »alcuni giorni« per rispondere alle richieste della Ue. E auspica che prenda »la mano tesa dalla Commissione«, perché evitare una procedura è nell'interesse di tutta la zona euro. Soprattutto ora che, chiusa la procedura per deficit contro la Spagna, non c'è più nessun Paese nel braccio correttivo del Patto di stabilità.

Moscovici spiega che »il lavoro preparatorio che può portare alla procedura« prosegue, ma »restando pronti a valutare ogni elemento che l'Italia può portare«. Cruciale sarà il vertice europeo di giovedì e venerdì prossimi, dove il premier Giuseppe Conte vedrà il presidente Jean Claude Juncker, che gli spiegherà come, in assenza di nuove misure concrete da parte italiana, prima delle ferie Roma finirà sotto sanzioni. Il problema non è solo il 'bucò 2018 che si trascina sul 2019, e per il quale Bruxelles vorrebbe che il Governo individuasse risparmi da fare qualora i dati positivi di Tria non si materializzassero. La questione è anche dare rassicurazioni sul 2020, cioè spiegare come si intende evitare l'aumento dell'Iva e fare una flat tax che non sia in deficit.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 14 Giugno 2019, 09:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Infrazione, l'Ue dà 7 giorni all'Italia. Conte: lettera di risposta quasi pronta
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-06-15 12:14:53
Beh se la lettera e' quasi pronta i problemi per gli Italiani anche.
2019-06-15 11:38:54
Ma qualcuno si accorge che questa Europa ci sta soffocando?????
2019-06-15 11:08:03
Italiani popolo rappresentato da Pecoroni: La Francia e la Germania Sforano i parametri ogni anno. Eppure..neanche una cartolina altro che lettera.
2019-06-14 20:44:11
più che un ministro dell'economia ci vuole un prestigiatore