Vacanze, voli cancellati: come ricevere il rimborso e il risarcimento fino a 600 euro

Sabato 14 Agosto 2021
Vacanze, voli cancellati: come ricevere il rimborso e il risarcimento fino a 600 euro

Da domani fino a fine mese sono tanti gli italiani che andranno in vacanza utilizzando un aereo. Ma i disagi con alcune compagnie aeree, causa Covid e non, in parte continuano e a volte i voli vengono cancellati. Non solo: in alcuni casi, come con il prossimo passaggio da Alitalia a Ita, i biglietti già venduti oltre il 15 ottobre dovranno essere in qualche modo dirottati su un altra compagnia, oppure devono essere restituiti i soldi. In ogni caso a che condizioni si possono avere i rimborsi? E quanto si può ottenere il risarcimento?

 

Voli cancellati in vacanza: il rimborso del biglietto

 

Il passeggero a cui è stato cancellato il volo ha diritto al rimborso del prezzo del biglietto oppure all’imbarco su un altro volo (o il prima possibile o più avanti verso la destinazione originale e con condizioni di viaggio simili). Le regole fondamentali sono stabilite dal Regolamento comunitario n. 261 del 2004. Entro una settimana deve avvenire il trasferimento dei soldi oppure lo slittamento e in ogni caso il rimborso deve essere uguale al prezzo pieno del biglietto. Quindi stesso costo a cui è stato acquistato le parti di viaggio non effettuate e per le parti di viaggio già effettuate se il volo in questione è diventato inutile rispetto al programma del passeggero.


Alitalia, svolta Ita: lunedì esame di volo, ma c'è il rebus biglietti

 

Se invece c'è la possibilità di un volo di ritorno verso il punto di partenza iniziale, non appena possibile, il passeggero deve ottenere un rimborso del 50% del prezzo del biglietto per tutte le tratte aeree intracomunitarie superiori a 1.500 km; il 75% del costo per tutte le altre tratte.


Voli low cost, stop ai rincari sui biglietti per i posti vicini di genitori e figli

 

Tra le tante associazioni che si occupano dei diritti dei consumatori, molte danno assistenza ai passeggeri in questi casi. Diverse compagnie hanno poi delle sezioni apposite dei loro siti web dedicate alla richiesta di rimborso. Da lì bisogna seguire tutte le procedure previste per ottenere il denaro. Chiunque vuole farlo, però, si deve ricordare di conservare il biglietto (o la prenotazione), la carta d’imbarco e gli scontrini per le eventuali spese extra, così da recuperare tutto il versato.

 

Voli cancellati, le condizioni per il risarcimento

 

A seconda della tratta e del tempo di preavviso (ossia quanto tempo prima è arrivata la notizia della cancellazione del viaggio), l’art. 7 del Regolamento stabilisce che il passeggero ha diritto a una compensazione pecuniaria di: 250 euro per tutte le tratte aeree entro i 1.500 chilometri; 400 euro per tutte le tratte intracomunitarie superiori a 1.500 chilometri e per tutte le altre tra 1.500 e 3.500; 600 euro per quelle che non rientrano nelle categorie precedenti.


Volo per l'Islanda cancellato due volte in 48 ore: odissea per 40 romani
 

Come base di calcolo, per definire la distanza si usa l’ultima destinazione per la quale il passeggero subisce un ritardo all’arrivo rispetto all’orario previsto. La compagnia può in ogni caso ridurre del 50% la compensazione ai passeggeri a cui è offerto di raggiungere la loro destinazione utilizzando un altro volo, se l'orario d'arrivo non è troppo in là. In particolare: per le tratte entro i 1.500 km il limite è due ore; per quelle intracomunitarie oltre ai 1.500 km e per tutte le altre tra 1.500 e 3.500 km è di tre ore; per quelle non indicate nei casi precedenti quattro ore.

Il risarcimento non spetta mai per cancellazione dovuta a cause di forza maggiore, come: problemi di sicurezza che non dipendono dalla compagnia, catastrofi naturali o maltempo, chiusure dello spazio aereo, problemi legati all'instabilità politica nel paese di partenza o arrivo.

R.Ec.

Ultimo aggiornamento: 16 Agosto, 10:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA