Statali, centomila assunzioni nel 2022. Nel concorso ci sarà anche lo stress test

Nei prossimi cinque anni la previsione è che tra concorsi ordinari e incarichi legati al Pnrr entrino nella P.A. un milione di dipendenti

Giovedì 3 Febbraio 2022 di Andrea Bassi
Statali, centomila assunzioni nel 2022. Nel concorso ci sarà anche lo stress test

Bandi di concorso pubblici per centomila assunzioni in un anno. Circa 45 mila “posti” sono già stato sbloccati tra maggio e dicembre dello scorso anno. Nei prossimi cinque anni la previsione è che tra concorsi ordinari e incarichi legati al Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza, entrino nella Pubblica amministrazione un milione di dipendenti. È quello che Renato Brunetta ha definito il «cambio di sangue» della macchina pubblica. Ma il maxi-piano di assunzioni sarà accompagnato anche da una nuova riforma dei concorsi pubblici.

Statali, aumenti di stipendio a chi fa formazione: la lettera di Brunetta ai dipendenti Pa

 

Statali, centomila assunzioni nel 2022

Una riforma che completerà quella già attuta con il decreto legge 80 dello scorso anno, che ha ridotto a 100 giorni il tempo che va dalla pubblicazione del bando fino all’assunzione nei ranghi della Pubblica amministrazione. Le nuove norme per le assunzioni sono uno degli impegni presi dal ministero della Funzione pubblica nell’ambito degli obiettivi del Pnrr da raggiungere entro il primo semestre di quest’anno. Nei prossimi bandi di concorso, in particolar modo quelli che verranno pubblicati per assumere personale da inserire nella nuova area delle «alte professionalità», una sorta di area “quadri” della Pubblica amministrazione, oltre alla verifica delle competenze tecniche sarà necessario accertare quelle che in gergo si chiamano “soft skills”. In pratica le selezioni dovranno verificare la capacità dei candidati di lavorare in gruppo o di reggere situazioni di pressione. Per questo saranno introdotti nei concorsi degli “stress test”, ossia dei colloqui sotto pressione per i candidati e dei colloqui di gruppo per valutare le capacità di interazione e di leadership. Insomma, una vera e propria rivoluzione rispetto agli attuali criteri che si basano sulla verifica delle competenze specialistiche (che pure rimarrà) dei candidati. 

Questa “rivoluzione” avverrà attraverso una modifica del decreto del Presidente della Repubblica numero 487 del 1994, per disciplinare in maniera organica le procedure di concorso, affiancando alle modalità semplificate e a quelle digitalizzate introdotte con il decreto legge 44 dello scorso anno, nuovi metodi di selezione che, appunto, integrino le prove tradizionali con meccanismi volti a valutare oltre alle competenze tecniche le “soft skills”, ossia le capacità gestionali, relazionali, di problem solving, motivazionali e via dicendo. Per valutare queste capacità le Pubbliche amministrazioni potranno anche avvalersi di consulenti esterni operanti per le selezioni nel privato. 

 

Assegno unico 2022, le istruzioni per riceverlo (e i calcoli su chi ci guadagna e chi ci perde)

 

Il tassello

Non solo. Nelle prossime settimane il dipartimento della Funzione pubblica e la Sna, la Scuola superiore della Pubblica amministrazione, definiranno linee di indirizzo volte a includere nei principi delle pubbliche amministrazioni e del pubblico impiego set di valori etici e comportamentali. L’altra innovazione che riguarderà il Pubblico impiego nei prossimi mesi, sarà un nuovo «upgrading» del portale InPa, il Linkedin italiano per le assunzioni pubbliche. Il portale, che ieri ha ricevuto il premio per l’Agenda digitale, sarà dotato di nuove funzionalità. Per esempio sarà utilizzato per permettere la mobilità dei dipendenti pubblici tra le varie amministrazioni. 

A tutti i dipendenti pubblici, inoltre, sarà inviata una newsletter periodica – battezzata “PArliamo” – che informerà i 3,2 milioni di statali delle principali novità che riguardano la formazione, i concorsi, i contratti, le leggi e le circolari, con l’obiettivo di creare un “filo diretto” con tutti i lavoratori del pubblico impiego. E per gli utenti dei servizi pubblici? È in arrivo il servizio “Elena”, una sorta di Alexa, un assistente vocale capace di fornire informazioni e guidare gli utenti nel mondo della PA digitale.
 

 

Ultimo aggiornamento: 13:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA